Forum degli Autori e UNIMRI in ricordo delle Fosse Ardeatine

L’associazione culturale di Corato si è unita all’UNIMRI presso il Sacrario Militare di Bari per commemorare le 335 vittime dell'eccidio nazifascista

Forum degli Autori Fosse ardeatine
Un momento della cerimonia di commemorazione

Anche l’associazione culturale Forum degli Autori di Corato si è unita all’ufficio della Presidenza Nazionale dell’U.N.I.M.R.I. (Unione Nazionale degli Insigniti al Merito della Repubblica Italiana) nel ricordo delle vittime dell’eccidio nazifascista delle Fosse Ardeatine in occasione del 75° anniversario.

La cerimonia si è svolta ieri, domenica 24 marzo, presso il Sacrario Militare di Bari le 335 vittime delle Fosse Ardeatine, alla presenza di numerose autorità militari e civili, nonché diverse rappresentanze di associazioni d’Arma, e del Corpo Volontarie della Croce Rossa Italiana.

Con viva commozione e sulle note del silenzio di ordinanza, l’Assessore Carla Palone, in rappresentanza del Comune di Bari, ha deposto una corona d’alloro al monumento ai Caduti situato all’interno del Sacrario.

Presente anche l’On. Gero Grassi che, all’interno della sala conferenze ha relazionato sulla caratterizzazione del drammatico evento e sul suo tragico epilogo, senza tralasciare riferimenti storici e particolari circa la situazione del Paese nel corso degli ultimi tempi della seconda guerra mondiale.

L’Eccidio delle Fosse Ardeatine rappresenta, infatti, una delle più drammatiche conseguenze della lotta contro l’oppressione nazi-fascista per la libertà del Popolo italiano. A Roma il 24 marzo 1944 le truppe di occupazione tedesche trucidarono 335 civili e militari italiani, tra prigionieri politici, ebrei o detenuti comuni, 19 delle vittime furono pugliesi.

Ad organizzare e moderare l’evento commemorativo il cav. Antonio Montrone, Responsabile Nazionale degli eventi socio-culturali del sodalizio, su incarico affidatogli dal Presidente Nazionale dell’UNIMRI, Cav. Giovanni Porcaro.

In qualità anche di presidente del Forum degli Autori di Corato, Montrone ha così ritenuto coinvolgere anche l’associazione culturale coratina che dal 2011 si distingue nell’ambito delle attività storiche, culturali e sociali.

Apprezzate e degne di nota sono state, dunque, le letture a due voci eseguite da Luciana De Palma e Alberto Tarantini, che hanno avuto la capacità di far avvertire sulla pelle dei convenuti l’emozione e il dolore che l’eccidio delle Fosse Ardeatine ha tracciato nelle menti e nei cuori degli italiani. Previsti anche due interventi musicali tratti dal “Requiem” di Mozarth e dallo “Stabat Mater” di Pergolesi, eseguiti dalla soprano Teresa De Benedittis, accompagnata al pianoforte dal maestro Emanuele Petruzzella.

Anche lo stesso cav. Antonio Montrone ha letto un brano per ricordare un altro tragico episodio, avvenuto a Roma il 7 aprile del 1944, nel quale persero la vita dieci donne che furono violentate e uccise dalla barbarie nazifascista.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami