Festa dei Lettori: gli ‘’AttraversaMenti’’ degli studenti

Liceo classico Oriani, Liceo artistico Federico II, ITC Tannoia e Istituto Professionale Tandoi di Corato, hanno interpretato il mondo "attraverso il mare della conoscenza"

Festa dei Lettori: gli ‘’AttraversaMenti’’ degli studenti

di Renata La Serra

“AttraversaMenti” è il tema individuato per la Festa dei lettori nella sua quattordicesima edizione che, come ogni anno, rievoca la bellezza della condivisione della lettura, intesa come scambio di idee e libero spazio per lasciar emergere la sensibilità, la stessa che pone al centro di ogni forma d’arte l’uomo in tutta la sua umanità come, d’altronde, ci insegna la letteratura.

Nella consapevolezza di ciò molti studenti di Corato hanno offerto il loro prezioso ed innovativo contributo durante l’evento tenutosi sabato 29 Settembre nella nostra città presso il chiostro di Palazzo di Città.

“AttraversaMenti” racchiude svariati significati a partire dall’ “io” di ogni lettore che attraversa col suo sguardo critico il mondo tenendo a mente che nella vita tutto scorre, noi compresi.

A detta di Eraclito, noi cambiamo continuamente accompagnando l’inarrestabile corso del fiume della nostra vita. Solo così scopriamo ogni giorno nuove realtà stando al passo coi tempi.

Ciò potrebbe essere oggetto di un parallelismo con l’attualità in quanto oggi l’uomo, spinto dalla necessità di sopravvivere, attraversa le tortuosità della vita per riappropriarsi del suo diritto di averne una degna di essere chiamata tale. Così l’attraversamento di deserti aridi e di mari spaventosamente scuri è oggetto di un percorso che diventa esperienza da raccontare.

Gli studenti di Corato, infatti, si sono empaticamente imbattuti in un “ricevere” e “dare” grazie all’universale potere delle parole, accompagnate da melodie musicali.

“AttraversaMenti in estemporaneArte” è stato presentato dalla professionale Serena Petrone, referente del Presidio del libro di Corato che ha organizzato la rassegna.

In occasione dell’evento, cui hanno assistito appassionati o semplici curiosi e menti più o meno giovani, tante sono state le scuole che hanno voluto esibirsi, realizzando performances frutto di duro impegno e grande collaborazione.

La serata si è aperta con la lettura da parte dei ragazzi dell’Istituto Professionale “Tandoi” di brani tratti da “Io e te” di Niccolò Ammaniti, lettura dolcemente allietata da accompagnamento musicale.

Gli alunni del Liceo Artistico “Federico II Stupor Mundi”, invece, oltre all’interpretazione di un estratto da “La Frontiera” di Alessandro Leogrande e ad un altro intenso brano musicale, hanno stupito il variegato pubblico con un creativo ed apprezzato flash mob.

A seguire, la sentita lettura di brani tratti dal libro “Mafia Capitale” di Leonardo Palmisano da parte degli studenti dell’Istituto tecnico “Tannoia”.

E persino il teatro è stato protagonista della serata, grazie alla magistrale interpretazione de’’Le Troiane’’ di Euripide a cura dei ragazzi del Liceo Classico Oriani, che poi hanno anche fatto vivere alcuni passi del libro “Mare al mattino” di Margaret Mazzantini attraverso la loro toccante lettura.

Hanno, infine, avuto il privilegio di concludere la serata con la lettura del testo ‘’Costruirò una barca’’ di Sohrab Sepehri, accompagnata dalle dolci note del violino e dalla leggera melodia della chitarra; il pubblico si è visibilmente commosso ascoltando la poesia “Il più bello dei mari” di Nazin Hikmet, forte richiamo al dramma dell’immigrazione.

I versi del poeta turco hanno trasmesso un messaggio di speranza rispondendo alla morte con la vita, affinché i viandanti alla ricerca di un porto sicuro possano guardare al loro faticoso passato con gli occhi strabordanti del desiderio di un gratificante futuro.

“Il più bello dei mari è quello che non navigammo.

Il più bello dei nostri figli non è ancora cresciuto.

I più belli dei nostri giorni non li abbiamo ancora vissuti.

E quello che vorrei dirti di più bello non te l’ho ancora detto.”

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami