Festa dei Lettori, con Leonardo Palmisano “Tutto torna”

La presentazione del romanzo è stata organizzata dal Presidio del Libro di Corato con il Patrocinio del Comune di Corato e della Regione Puglia

Leonardo Palmisano a Corato
L'autore Leonardo Palmisano a Corato per l'anteprima della Festa dei Lettori a Corato

È nel pomeriggio del 26 settembre che ha preso il via la Festa dei Lettori a Corato, con la presentazione del nuovo romanzo di Leonardo Palmisano. In un dialogo presso la Biblioteca Comunale, l’autore di numerosi saggi come “Ghetto Italia” e “Mafia Caporale” è stato accompagnato dalla libraia Giada Filannino nel racconto del suo “Tutto torna”, volume pubblicato da Fandango Editore.

L’evento, inserito nell’anteprima della Festa dei Lettori, inaugura una serie di iniziative volte a celebrare la lettura ed i lettori organizzate dal Presidio del Libro di Corato. “AttraversaMenti: oltre i confini, oltre le barriere“: questo il fil rouge concettuale che accompagnerà i diversi momenti della manifestazione, presente su scala nazionale.

L’appuntamento è stato organizzato dal Presidio del Libro di Corato con il Patrocinio del Comune di Corato e della Regione Puglia, grazie alla collaborazione della libreria “Ambarabacicicoco” e dei Donatori di voce ai quali è stata affidata la lettura di alcuni passi significativi del romanzo.

In un delicato momento storico quale quello in cui ci troviamo, la letteratura e la narrativa forniscono un valido contributo nell’imparare ad essere umani, sostanziali con noi stessi. Le frontiere sono il gioco amaro del mondo contemporaneo, presenti nel loro essere fisiche e pericolosamente mentali. Il Presidio del Libro di Corato, commosso nel ricordo di Angela Pisicchio, lascia che a traghettare i presenti nel mondo “tarantiniano” e noir di Palmisano sia Giada Filannino.

Afferma l’autore: «Penso che il tema dell’attraversamento sfiori quello della commozione. Si può attraversare la storia, la fine di un amore. Ognuno di noi attraversa persone, spazi, territori.» Si perde sempre qualcosa, scegliendo di attraversare e di attraversarsi: «Noi siamo il paese degli attraversamenti. Da nord a sud e da sud a nord».

L’autore barese, dopo essersi dedicato per lungo tempo a inchieste giornalistiche, torna alla forma del romanzo: «In realtà non è mai stato un vero e proprio abbandono. Intendevo dedicarmi a una scrittura più complessa e certamente più accattivante, anche per me».

Ma l’inchiesta, in questo romanzo, è ancora viva e presente: «Dona allo svolgersi dell’intreccio un taglio quasi verista», afferma la libraia.

La vicenda si snoda lungo il tacco d’Italia, la nostra regione. Tutto ruota attorno al rapimento di Maria, nipote ottenne del numero uno della commissione della Sacra Corona Unita. E sul drammatico sequestro investigherà un bandito d’altri tempi, Carlo Mazzacani.

“Tutto torna” riporta all’azione. A un passato mai così presente, a pagine dure, noir e ingiuste, nel loro essere tremendamente coinvolgenti e attuali. Infatti, nel giallo presentato a Corato il male si svela, sotto diverse forme, nel territorio pugliese, nostra terra amara. La Puglia vive nelle frange paesaggistiche e nei dialetti nostrani. “Tutto torna” è un serrato dialogo con il territorio e con la storia che si culla in esso, di grande impatto e realismo. E ancora si è protagonisti di un intenso Attraversamento, un viaggio in una terra che accoglie e si infrange nelle sue molteplici sfumature umane.

Così, la Festa dei Lettori continua, fino al 30 settembre e il 2 ottobre, svolgendosi in collaborazione con Regione Puglia,  MIUR-USR Puglia, Comune di Corato, Istituto Comprensivo “C. Battisti-Giovanni XXIII”, IIS “Federico II Stupor Mundi”, IIS “Oriani-Tandoi”, ITET “Tannoia”, Donatori di Voce, Libreria Ambarabacicicocò, Teatrificio 22, Punto Pace di Pax Cristi e Rete Attiva.

Qui il programma dei prossimi eventi.

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami