SPINAZZOLA – Delle due Terre solo sulla carta, in realtà la Marathon Città di Spinazzola ha visto protagonista ben tre regioni. Alla Puglia e alla Basilicata, titolari del percorso, si è aggiunta la Calabria, ovvero la terra del vincitore Francesco Favale, che da Rocca Imperiale ha portato i colori della CMQ Carbon Hubo sin sui ruderi del castello di Spinazzola. È così che, forte di 200 ciclisti al via, si è conclusa la Marathon delle 2 Terre, nona e penultima tappa dell’Iron Bike 2019 sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana, al termine di una corsa in mountain bike tirata e incerta, decisa solo dall’ascesa finale sotto un cocente sole settembrino.

Dalla città di Papa Innocenzo XII alla vicina Lucania, con ritorno. Un viaggio speciale quello della seconda Marathon delle Due Terre che ha visto pedale i biker sin nell’amena riserva del bosco e del laghetto di Palazzo San Gervasio. Un percorso innovativo, fresco, dedicato agli amanti della velocità, disegnato per sintetizzare lo spirito di tutta l’Iron Bike: unire più territori, paesaggi e scenari mozzafiato sotto l’unica regia del Team Bike Spinazzola, offrendo una visione d’insieme, in sella a una bici, delle bellezze di Puglia e Basilicata. Bello il paesaggio ma impegnative anche le salite: la prima, percorsa in realtà in entrambi i sensi in andata e in ritorno ha portato a valicare il confine regionale, mentre è sulla seconda ascesa che si è decisa la corsa, nella ripida salita a tornanti verso il borgo antico di Spinazzola (città che insieme a Palazzo San Gervasio e Banzi ha concesso il patrocinio).

Dario Piscchio in azione alla Marathon delle 2 Terre

PISICCHIO IL DEBUTTANTE – Come da tradizione, anche l’edizione 2019 della Marathon delle 2 Terre ha proposto un percorso dedicato agli escursionisti non tesserati che per le prime volte si affacciano al mondo delle competizioni in mountain bike. Il tracciato, di ben 42 km, gli stessi della Mediofondo, ha visto la prima vittoria nella giovane carriera del coratino Dario Pisicchio, che dal prossimo anno sarà tesserato nella categoria agonistica giovanile “Allievi”.

DECISIVA L’ULTIMA SALITA – Altamente spettacolare per quel che riguarda le posizioni di testa, la corsa è rimasta a lungo blindata nelle prime otto posizioni, un gruppetto con tutti i migliori del circuito, da Bongermino a Di Cosola a Favale passando per Diaferia, Belgiovine, Tagliente, Notarpietro e Fittipaldi che non ha trovato terreno favorevole per una ulteriore selezione. Copione iniziale simile a Gravina, dunque, con qualche foratura in meno e una velocità media molto alta (si è chiuso sfiorando i 25 km/h). Certamente i fantastici 8 il tempo per godersi il paesaggio e il laghetto proprio non lo hanno avuto, ma sicuramente avranno sentito nelle gambe la durezza dell’ultima, interminabile salita. È qui, sugli ultimi due chilometri di gara tutti col naso all’insù che è esplosa la corsa. All’ennesimo affondo di Francesco Favale ha retto solo Luigi Maria Di Cosola (Team Eurobike), così si è deciso tutto in volata. E il breve sprint sul lastricato spinazzolese ha regalato al calabrese un successo di grinta e di carattere. Da applausi la prestazione di Di Cosola, che meriterebbe la vittoria già solo per i progressi fatti da inizio stagione. Podio completato dalla giovane promessa Angelo Tagliente (Ciclisport 2000). Alle loro spalle Bongermino, Belgiovine e Notarpietro sono giunti esattamente con lo stesso ordine della classifica generale, mentre Michele Diaferia (Pro.Gi.T Cycling Team) è 7° e primo degli Elite, precedendo la maglia verde Fittipaldi (Ciclisport 2000). Favale ha chiuso in 2 ore 14 minuti e 14 secondi e tutti i migliori otto sono stati racchiusi in appena due minuti.

La partenza della Marathon delle 2 Terre a Spinazzola
La partenza della Marathon delle 2 Terre a Spinazzola

LE CLASSIFICHE – Nel folto gruppo di cicloamatori, divisi per categorie in fasce d’età, i migliori sono stati Giacomo Scardigno (ELMT – New Bike Andria), Luigi Maria Di Cosola (M1 – Team Eurobike Corato), Gianfranco Bongermino (M2 – New Cycling Team Alberobello), Ermanno Laneve (M3 – New Cycling Team Alberobello), Alessandro Fittipaldi (M4 – Ciclisport 2000 Grottaglie), Maurizio Luigi Carrer (M5 – Team Eurobike Corato), Pasquale Piemontese (M6 – ASD Team 20 Miglia Foggia), Giuseppe Lazzazzara (M7 – GC Fausto Coppi Acquaviva), Tommaso Barbaro (M8 – ASD Baser Matera).

Nella speciale classifica per le E-Bike, biciclette con pedalata elettricamente assistita, torna alla vittoria il veterano Donato Grossi (Free! MTB), che bissa così il successo di Gravina davanti al leader della classifica Emanuele Losacco (Amicinbici Losacco Bike) al termine di una corsa ricca di forature e colpi di scena. Sul terzo gradino del podio Giuseppe Divella (Gasparre Cicli liberi e forti). Sul terzo percorso, 42 km e non valido per la classifica generale dell’Iron Bike, ha concesso il bis il portacolori della New Bike Andria Davide Mastrorillo su Biagio Bellacicco e Roberto Lacitignola, mentre migliore delle ragazze è stata Chiara Morgese del Team Eurobike Corato.

Un altro coratino in azione alla Marathon delel 2 Terre: è Gaetano Loiodice della Quarat Bike

CHIUSURA A RUVO DI PUGLIA IL 20 OTTOBRE – Sarà un appuntamento inedito a sancire i verdetti definitivi dell’Iron Bike Puglia 2019. La Mediofondo “Masseria Coppa” si svolgerà infatti in territorio di Ruvo di Puglia domenica 20 ottobre con la regia dell’Avis Bike Ruvo. Sarà dunque l’Alta Murgia lo scenario delle ultimissime sfide di stagione, un appuntamento a lungo atteso in cui non si potrà far gareggiare solo la matematica. Serviranno testa, sì, ma anche e soprattutto gambe e cuore per l’ultimo assalto alla maglia.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami