Famiglie all’opera vince “Sapori e colori d’autunno”

Il progetto dal 4 novembre al 17 dicembre coinvolgerà Corato e altre sei diverse città

Famiglie all'opera vince “Sapori e colori d’autunno”. Il progetto coinvolgerà anche Corato.
Famiglie all'opera vince “Sapori e colori d’autunno”

Si intitola Famiglie all’opera il progetto approvato dalla Regione nell’ambito del programma “InPuglia365 – Sapori e colori d’autunno”. A pensarlo e proporlo è stata l’associazione coratina Italian Think Tank, dopo aver messo da poco in archivio la terza edizione del festival “Assaprà”.

Dal 4 novembre al 17 dicembre il progetto coinvolgerà Corato e altre sei diverse città: Ruvo di Puglia, Bisceglie, Altamura, Bitonto, Andria, Castellaneta.

«Per noi – spiegano dall’associazione – “all’opera” significa due cose per i turisti, i cittadini e le associazioni: vuol dire da un lato partecipare agli spettacoli che hanno fatto la storia della Cultura italiana, dall’altro sentirsi sia spettatori che protagonisti attivi mettendoci le mani e il cuore.

Non abbiamo scelto un’opera a caso ma “L’elisir d’amore” di Donizetti. Il vino – nettare che all’interno dell’opera risolveva tutti i mali della società – nel nostro progetto diventa il filo rosso che unisce tutti gli appuntamenti, valorizza i luoghi e le eccellenze del territorio.

A partire da oggi (sabato 4 novembre) le famiglie incontreranno uno dei personaggi fondamentali dell’opera, Dulcamara: spostandosi fra una città e l’altra, proprio come fa nell’opera di Donizetti, coinvolgerà tutti nei suoi viaggi, condurrà alla scoperta dei centri storici, dei luoghi sconosciuti, delle cantine e dei vigneti.

Il punto d’arrivo dei sette weekend sarà la messa in scena dell’opera: nelle prime settimane in cui si svilupperà il progetto i bimbi realizzeranno le scenografie per la recita a masseria Cimadomo. Le “prove generali” aperte al pubblico invece andranno in scena nell’ex mattatoio di Andria (il 10 dicembre) e sul palco del teatro “Traetta” di Bitonto (il 19 novembre)».

È necessario «riempiere “i contenitori” di contenuti» ha sottolineato più volte la Regione Puglia. Con questo obiettivo Famiglie all’opera offre ai turisti la possibilità di «vivere i luoghi poco conosciuti e solitamente non deputati all’opera lirica sperimentando nuove modalità. Gli appuntamenti che rendano “vivi e vivibili” i luoghi d’interesse, sostenuti dalla celebrità dell’opera lirica, creano il connubio tra arte, musica, storia, cultura ed enogastronomia».

L’Italian Think Tank ha pensato a garantire la più ampia fruibilità dei luoghi: oltre ai servizi turistici offerti alle famiglie, ci saranno anche quelli pensati per i non vedenti.

Il ricco e articolato programma inizia oggi (sabato 4 novembre) alle 17.30 con il primo dei “Viaggi di Dulcamara”: una visita guidata e un laboratorio sul vino presso l’Azienda agricola Mazzone di Ruvo. Domani (domenica 5 novembre) si tornerà a Corato: alle 10 inizierà la visita sensoriale alla mostra “Terra Venti Nuvole” allestita nel Museo della Città pensata per i non vedenti.

«Come nel caso di Assaprà – concludono gli organizzatori – siamo felici di collaborare con altre associazioni presenti sul territorio: il Teatrificio 22 e l’associazione culturale “Lo Scrigno delle donne” per quel che riguarda la realizzazione delle scenografie e le attività rivolte ai bambini; la Pro Loco di Corato, l’Info point e la cooperativa Sistema Museo per le visite guidate in città. In via di definizione anche le collaborazioni con le realtà degli altri Comuni: ci aiuteranno nell’apertura di siti di interesse solitamente chiusi e nella scoperta dei centri storici troppo spesso sottovalutati. Nei prossimi giorni saremo in grado di comunicare il programma dettagliato di tutte le iniziative».

Grazie al finanziamento ottenuto dalla Regione Puglia i turisti potranno usufruire gratuitamente dei servizi che il progetto Famiglie all’opera mette a disposizione e delle singole attività pensate dall’Italian Think Tank.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami