È in edicola il numero di dicembre 2018 de Lo Stradone

In copertina: i sei Titoli di Corato, rare testimonianze del passato che, grazie alla battaglia intrapresa dal nostro giornale e dal dott. Giuseppe Magnini, sono stati finalmente sottoposti a tutela dalla Soprintendenza di Bari

LO STRADONE, il giornale di Corato, numero di settembre 2018
LO STRADONE, il giornale di Corato, numero di settembre 2018

È in edicola il numero di Dicembre de Lo Stradone, il giornale di Corato.

Concludiamo il 2018 con una buona notizia. Sei degli otto Titoli di Corato, rare testimonianze del passato sopravvissuti all’incuria cittadina, sono stati sottoposti finalmente a tutela dalla Soprintendenza di Bari. I dettagli della lunga battaglia, iniziata da LO STRADONE nel 1985 e giunta ad un lieto epilogo grazie anche all’impegno profuso dal dott. Giuseppe Magnini, sono tutti spiegati nello Speciale a cura del direttore Marina Labartino.

Il numero di Dicembre non poteva fare a meno di una interessante promozione natalizia: il libro di Pasquale Lops “Un componente di Polizia Municipale si racconta” più il giornale, sono in edicola al prezzo speciale di euro 8,00.

Il Primo Piano accende, invece, i riflettori su di un fenomeno che a Corato non accenna a placarsi: l’abbandono sconsiderato dei rifiuti, scovati e rimossi a quintali dalle Guardie Ambientali d’Italia – sezione di Corato. Lo spiega, con un particolareggiato resoconto, Francesca Maria Testini, la quale, in Politica, intervista in esclusiva il primo, ed al momento unico, candidato sindaco alle amministrative 2019, nonostante alcune voci smentiscano la sua scesa in campo; nel Focus colloquia con l’ex Comandante della Stazione dei Carabinieri di Corato, Pietro Zona che, promosso ufficiale, lascia Corato e analizza i cambiamenti della nostra città subiti nel corso degli ultimi cinque lustri; in Storia delle Associazioni racconta l’evoluzione dell’Associazione che tiene vivo il culto della Madonna del Pozzo a partire dal 1952.

Le orecchiette coratine conquistano il Guinness Word Records in Francia. Nella rubrica L’Altra Corato, lo svela Peppino De Palma, presidente dell’Associazione “4 Torri” di Torino.

In Cultura, Ettore Torelli prosegue il percorso alla scoperta di altre testimonianze iconografiche del culto domenicano a Corato con la seconda parte di “Volti e tracce dei Domini Canes”.

La rubrica Come Eravamo ripesca dai nostri archivi la divertente analisi semiseria di Pasquale Tandoi su come vissero cinquant’anni fa i liceali di Corato la rivoluzione sessantottina.

Propizio ritorno per Vita Vissuta, rubrica che ben si sposa con l’atmosfera delle prossime feste: Roberto Ferrante evidenzia il “Miracolo d’amore” tanto atteso, quanto inaspettato, avvenuto in una famiglia coratina, mentre Nico Como si sofferma su di una misteriosa farfalla che entra inspiegabilmente nella quotidianità di parenti ed amici del compianto giovane trapezista Alessandro Lauciello, assassinato brutalmente nel 2016 in Marocco.

In Sport: Nico Como ritiene sia “l’ora della svolta” per l’USD Corato Calcio e ascolta il presidente Maldera circa il futuro della società; Roberto Ferrante elenca i vincitori dell’Iron Bike 2018, rivive l’adrenalina del Trofeo Ciclocross Città di Corato e illustra il restyling dell’ASD Quarat Bike, mentre Elisabetta Di Zanni riassume i risultati di novembre delle formazioni neroverdi di basket e pallavolo.

Due le new entry nelle rubriche di informazione generale: la riflessologia plantare a cura di Maria Valentina Scimonelli e i disturbi del linguaggio in età infantile a cura della dott.ssa Mara Bovino.

Immancabili: Cronaca, Strada alle Donne, Economia, Pet Generation, Vita Cittadina e molto altro, per un numero che a Dicembre, da oggi in edicola, si dipinge dei colori della festa.

 

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami