Droga. Tre arresti

Hanno solo 24, 21 e 17 anni i giovani arrestati a Barletta dagli uomini del Commissariato

Droga. Uomini del Commissariato di Barletta arrestano tre giovani

Giovani, assuntori di droga e spacciatori: è l’identikit degli abitanti del mondo di mezzo che continua a espandersi in provincia, ritagliandosi una porzione di territorio e di sottocultura tra crimine organizzato e realtà quotidiana. Un legame mai veramente interrotto tra la grande delinquenza e la vita che scorre normale, grigia e anonima, nelle periferie, e nei centri storici quando restano abbandonati.

Tre storie simili, di delinquenza e di disperata sottocultura, che fanno apparire normale l’emarginazione, il crimine, gli arresti.

Così rientra nella normalità l’arresto di un giovane di 17 anni, residente nel rione “Borgovilla” di Barletta e già gravato da precedenti di polizia, da parte dei poliziotti del locale Commissariato di P.S., perché ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il provvedimento è l’esito dei servizi di controllo del territorio per il contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti.
Dopo aver notato un andirivieni di giovani consumatori di sostanze stupefacenti presso l’abitazione del minorenne, i poliziotti hanno effettuato un controllo presso l’appartamento in cui si trovava. La perquisizione, estesa anche alla cantina, ha permesso di trovare e sequestrare 180 grammi di marijuana, tra cui 32 dosi già confezionate e pronte per essere smerciate, e 30 “cipolline di cocaina”, per un peso complessivo di 11 grammi. Rinvenuti e sequestrati anche un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento dello stupefacente e la somma di 465 euro in contanti, probabile provento dell’attività di spaccio. Il giovane è stato condotto presso l’Istituto Penale per i Minorenni “Fornelli” di Bari.

Trasferito in carcere, inoltre, Ruggiero Diviccaro, barlettano classe ’95, in esecuzione di un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari, perché ha ripetutamente violato la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Arrestato infine il sorvegliato speciale Paolo Crudele, 21enne, che durante un’attività di perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di 12 bustine di marijuana, per un peso complessivo di 24 grammi, e materiale per il confezionamento.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami