Da Despar €20.000 alla Croce Rossa Italiana per le popolazioni colpite dal terremoto

DSCN1283Nella Sala Verde del Comune di Corato il Gruppo Maiora, la più importante realtà della grande distribuzione organizzata nel Centro sud con l’insegna Despar, ha consegnato alla Croce Rossa Italiana, un assegno dell’importo di 20.000 euro destinato alle popolazioni colpite dal terribile terremoto che ha devastato il Centro Italia.

La dott.ssa Grazia De Gennaro, responsabile Ufficio stampa e comunicazione Maiora ha aperto i lavori affidando al sindaco di Corato Massimo Mazzilli il compito di fare gli onori di casa.

«Mi congratulo con Maiora per la sensibilità – ha detto il nostro primo cittadino – e per aver voluto dare evidenza a questa iniziativa nella casa comunale. Durante queste calamità ritengo sia fondamentale l’apporto dei cittadini. Ogni gesto di solidarietà compiuto dal singolo va a supporto di quanto poi farà l’ente pubblico. Anche il nostro Comune, in coordinamento con gli enti preposti, ha istituito un centro di raccolta di materiale che andrà ad arricchire le costruende scuole ed attività didattiche. Così come il sisma ha cambiato le vite alle popolazioni del centro Italia, allo stesso modo il disastro ferroviario del 12 luglio sta cambiando il futuro dei nostri ragazzi e famiglie. Infatti subito dopo questa conferenza mi attiverò per cercare di risolvere alcuni problemi emersi tra gli studenti pendolari coratini. Ritengo comunque la vicinanza tra Maiora e la Croce Rossa debba proseguire. Occorre avere nel tempo altre attenzioni di diverso grado calibrando le necessità. Perchè è assodato che il crollo arriva soprattutto dopo l’emergenza, l’abbiamo vissuto sulla nostra pelle e continuo personalmente a dedicare una giornata all’incontro con le famiglie colpite dall’incidente ferroviario».

Il presidente e amministratore delegato di Maiora, Pippo Cannillo, ha manifestato in questa occasione tutto il suo orgoglio di rappresentare i partner operanti con l’insegna Despar, Eurospar, Interspar e del Gruppo Mr. Kanny, i cui dipendenti hanno voluto devolvere parte del proprio stipendio per questa nobile causa.

«Non è nel nostro costume apparire – spiega il dr. Cannillo – sappiamo bene che la beneficenza si fa in silenzio. Questa iniziativa però è partita dal basso, noi siamo solo un tramite. Ci sembra pertanto doveroso rendere pubblico questo momento. Maiora non è nuova a codeste iniziative sociali. L’anno scorso abbiamo dato vita ad un progetto di educazione alimentare che ha coinvolto 2000 alunni e promosso la cena sociale, tenutasi in prossimità del Natale e condivisa dal nostro vicario zonale don Peppino Lobascio, che ha voluto fosse ospitata in Chiesa Matrice, a cui hanno aderito tutte le Caritas cittadine coratine. Quest’anno ripeteremo l’esperienza che coinvolgerà le parrocchie e le Caritas di molte altre città».

La dott.ssa Consiglia Margiotta, presidente del Comitato di Bari della Croce Rossa Italiana, presente con una delegazione, ha esposto gli obiettivi e programmi dell’ente circa l’utilizzo della somma raccolta.

«Ricordando che la missione della Croce Rossa è l’Umanità – afferma la dott.ssa Margiotta – ringraziamo Despar per la grande disponibilità e sensibilità mostrata nei confronti dell’Altro, certi che questo rappresenti il primo di una serie di progetti condivisi da Despar e la CRI. Come ben diceva il sindaco, i problemi da risolvere non si limitano all’emergenza. La fase della ricostruzione è lunga e articolata. Dopo essere stati presenti nell’immediato sul luogo del disastro, contribuendo ad allestire tre campi di accoglienza per i terremotati (in procinto di essere smantellati), e attivandoci per assicurare sostegno materiale e psicologico alle famiglie, un impegno che ci ha visto protagonisti soprattutto nello riunire i diversi membri dispersi, ora è il momento di pensare alla ricostruzione. Certo non a quella degli edifici, piuttosto dei servizi per scuole e case di riposo a cui verranno destinati i 20.000 euro raccolti dai dipendenti Despar».

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami