De Benedittis: «Non faremo accordi politici con gruppi di potere»

La nota da "Rimettiamo in moto la città" arriva in seguito ai recenti fatti di cronaca giudiziaria che hanno visto l'arresto dei magistrati Savasta e Nardi

De Benedittis: «Non faremo accordi politici con gruppi di potere»
De Benedittis: «Non faremo accordi politici con gruppi di potere»

Riceviamo e pubblichiamo una nota a firma di Corrado De Benedittis, referente del movimento di Rimettiamo in moto la città, riguardo agli arresti dei magistrati Savasta e Nardi: 

Gli arresti eccellenti che in questi giorni hanno travolto il mondo giudiziario, imprenditoriale, professionale e delle Forze dell’Ordine coinvolgono in modo diretto il tessuto cittadino.

Tutto parte da Corato: dalle inchieste “Fenerator” e “Fenerator 2” che nell’Aprile 2007 iniziarono a scoperchiare un inquietante traffico di usura, per nulla casuale, ma ben strutturato su più livelli, al punto da coinvolgere imprenditori, bancari, professionisti, commercianti.

Conobbi in quegli anni, in qualità di responsabile della Caritas Cittadina di Corato, alcune delle famiglie vittime di usura che avevano avuto il coraggio di denunciare i loro strozzini, ma che si trovarono al contempo in gravi difficoltà economiche, a causa delle lungaggini burocratiche, propedeutiche all’accesso al fondo antiusura.

In quegli stessi anni, mi resi conto del clima di terrore che travolge non poche famiglie, nella nostra città, a causa delle pressanti minacce e continui abusi commessi dagli strozzini e dai loro gregari: permanenza fino a tarda ora nelle case delle vittime, incuranti finanche dei bambini, abusi sulle donne di casa, danneggiamenti, botte, macchine incendiate ecc. ecc.

Fu in seguito alla conoscenza di situazioni particolarmente drammatiche, che presi contatto con la Fondazione Antiusura Santi Medici e San Nicola di Bari perché si potesse avviare su Corato un percorso di contrasto al fenomeno usuraio e di vicinanza alle vittime, anche a chi non ha il coraggio di denunciare.

Non se ne fece, comunque, nulla perché la Fondazione antiusura interviene nelle realtà locali, previa stipula di accordi di garanzia con enti privati e amministrazioni pubbliche che però a Corato, non hanno mai avuto luogo.

A più riprese, nel lontano 2007, dichiarai, da responsabile della Caritas cittadina, che il silenzio dell’Amministrazione locale su fatti così gravi era inaccettabile.

Oggi, che siamo alle prese con una grave crisi amministrativa, in cui il Centrodestra cittadino ha lasciato la città senza guida per l’esplosione di insanabili contrasti interni, dico a gran voce, insieme a tanti concittadini e a tante concittadine, che è tempo di aprire porte e finestre per fare entrare aria nuova nella vita politica, amministrativa, economica e sociale della città.

Per questo motivo, lo scorso 19 ottobre 2018, in tanti e tante, abbiamo lanciato un appello alla città e alle forze politiche progressiste, accompagnato dallo slogan “Rimettiamo in moto la città”, in cui diciamo a gran voce che la politica locale deve rompere in modo chiaro e forte con chiunque si affaccia al governo della cosa pubblica per coltivare interessi privati e reti clientelari.

Pertanto, la mia e nostra risposta a questo terremoto giudiziario, consiste, in primo luogo, nel ribadire, con fermezza intellettuale e rigore morale, che, in vista delle amministrative di maggio 2019, non faremo accordi politici con quei gruppi di potere che inquinano la vita democratica della città, in secondo luogo, nel mettere in campo, sin dal primo giorno in cui ci insedieremo al governo di Corato, tutti gli strumenti politico-amministrativi e culturali, per contrastare clientelismo e corruzione, avviando tutte le partnership necessarie a garantire alle vittime della criminalità vicinanza, protezione e supporto economico.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami