D’Ascoli e Asselti, facce nuove nel Quartiere

Arrivano prima della delicata sfida al Quartiere i due rinforzi del Corato. Il primo, Walter D’Ascoli, si stava allenando già da quest’estate, prima di tentare l’avventura alla Centese, Eccellenza emilio-romagnola. Ala, nato nel 1995,figlio dell’ex neroverde Beppe. Ha fatto tutta la trafila delle giovanili con l’Athena Barletta prima di approdare alla juniores del Trani. L’anno scorso ha giocato nell’Unione Calcio Bisceglie. L’altro volto nuovo a dire il vero è un volto conosciuto. Antonio Asselti, esterno sinistro ma jolly per vocazione dopo aver giocato in diversi ruoli in passato, torna a vestire per la quarta volta la maglia neroverde intervallata dalle esperienze a Fasano, Molfetta e San Paolo.

Proprio sulle ceneri della squadre del quartiere a nord di Bari nacque tre anni fa il progetto Quartieri Uniti, salvato quest’anno dall’intervento di Michele Calaprice ex presidente di Noicattaro e Polimnia e Gianni Caffaro, portiere del Bari nei primi anni ottanta e anima della New Green Park. Il progetto, per bocca dello stesso Calaprice, è quello di valorizzare i tanti giovani baresi e del circondario. Come Egidio Rubino, 23 anni, campione di Prima con il Modugno due anni fa e attuale capocannoniere della squadra con tre reti. Ma di gemme pronte a splendere ne è piena la rosa. Tre assenti col Corato. Balenzano, l’ex Palo Vulpis e Gagliardi.

Dall’altra parte Landini in permesso non ci sarà mentre c’è qualche dubbio su Sylla, assente all’allenamento di venerdì. Cannillo sta recuperando e si allena con i compagni. Con i due innesti, di D’Ascoli e Asselti, Mimmo Leonino può stare più tranquillo e gestire meglio la rosa a disposizione. Dirige Carlo Palmisano di Taranto, fischietto esperto che da due anni si alterna tra Eccellenza e Promozione. Start ore 14.30 al Sante Diomede di Via Sardegna.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments