CUM – DIVIDE

Quando ho creato Cum-divide non avevo bene a mente a cosa sarei andato incontro. Credo che il tutto sia nato per un’esigenza personale: cercare qualcuno che possa condividere i miei interessi ed evitare di andare allo stadio, vedermi un concerto o quant’altro in piena solitudine. “Possibile che in una città di quasi 50.000 persone non ci sia qualcuno che ascolta Caparezza, legge dei saggi e adora la cucina etnica?” Certo, possibile, ma nulla vieta di cercarlo.

Tutto ruota attorno all’idea che una piazza virtuale possa trasformarsi in una piazza reale, in una occasione d’incontri, di scambi, di con-divisione. Il gruppo, presente su Facebook, vuole essere una cassa di risonanza per tutti gli eventi di Corato e delle zone limitrofe; una bacheca che raccoglie svariate proposte ( presentazioni di libri, gite, feste, appuntamenti istituzionali, offerte commerciali, corsi ) e che a sua volta vuole farsi promotrice di eventi e di interessi. Sempre maniera libera e auto-organizzata.

Da Ottobre un appuntamento settimanale è il Flash Book  Mob.

 Il Flash Book Mob è prima di tutto un ritaglio di tempo. E’ un momento della settimana dedicato alla conversazione e allo scambio di opinioni. E’ un’occasione per conoscersi attraverso tematiche e modalità che spaziano dall’attualità alla letteratura, dalla vita quotidiana alle grandi domande della scienza e delle filosofia. Si inizia con una breve introduzione di chi è chiamato ad organizzare la serata; ogni partecipante si esprime, poi, facendo nascere un dibattito che si costruisce in maniera del tutto spontanea e inattesa.

Di volta in volta, viene scelto un tema; a volte un semplice titolo. Chiunque è invitato a declinare l’oggetto proposto secondo la sua sensibilità e il suo punto di vista. Non solo attraverso i libri: film, canzoni, opere proprie, articoli di giornale e di blog; tutto quanto si ritiene necessario. Difficile? Improvvisate. Passate davanti alla vostra libreria, respirate l’odore dei libri, toccate le copertine che non avete mai aperto, lasciatevi segnare dal dorso mentre leggete due o tre righe a caso. Sarà il libro stesso a darvi dei suggerimenti, a farvi ricordare passi o personaggi, versi fotogrammi o note familiari. Prendete il tutto sottobraccio e venite; anche il vostro ascolto e il vostro silenzio sarà fondamentale.

Le serate si possono svolgere all’aperto, soprattutto nei mesi estivi, o all’interno di locali, associazioni, case di privati in modo da adattarci all’ambiente che ci ospita. Per tutti vorrebbe essere un’itinerante palestra per la mente e per il dialogo, un luogo-non luogo in cui sentirsi accolti da nuove amicizie, libri mai letti e autori mai sentiti.

Scegliamo, insieme a tutti voi e grazie a Lo Stradone, di avviare una rubrica in cui desideriamo sperimentare. Avviare uno spazio ibrido in cui dei lettori possono incontrare altri lettori. Cercheremo di fare di una semplice recensione un ulteriore luogo di incontro per poter commentare e ampliare ulteriormente le tematiche. Il nostro obiettivo è farvi riscoprire il piacere della lettura, quel piacere che noi stiamo riscoprendo ogni settimana in maniera viva e originale.

Benvenuti al Laboratorio di Lettura Creativa di Cum-divide. 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami