Crisi amministrativa, Movimento Schittulli: «Sindaco, si dimetta»

«In questa situazione che si è delineata le forze esterne saranno ben più numerose dei consiglieri di maggioranza. Chi sarà responsabile politicamente delle scelte amministrative del Sindaco e della sua Giunta?» scrive Mario Matteo Malcangi

Crisi amministrativa, Movimento Schittulli: «Sindaco, si dimetta»
Crisi amministrativa, Movimento Schittulli: «Sindaco, si dimetta»

«Sono passati sei lunghi mesi e nonostante i reiterati proclami di risoluzione, avanzati dal Sindaco Mazzilli, la crisi amministrativa è ancora irrisolta e anzi ogni giorno che passa ci riserva nuovi episodi di una sempre più ingarbugliata telenovela che vede protagonista da una parte una maggioranza ormai allo sbando e dall’altra una cittadinanza vittima suo malgrado».

Si apre così il comunicato stampa diffuso dal Movimento Schittulli, a firma del coordinatore cittadino Mario Matteo Malcangi che, senza mezzi termini, restituisce al mittente l’accusa di essere stato la causa della “turbolenza” amministrativa, evidenziando piuttosto i limiti di una amministrazione dove oggi le forze esterne sono più numerose dei consiglieri di maggioranza.

E prosegue: «Quella che, il Sindaco lo scorso novembre, voleva far passare per una “leggera turbolenza” (causata dagli inspiegabili capricci del Movimento Schittulli) si è invece mostrata per quella che veramente è: una crisi strutturale che ha origini lontane gestita con tracotanza e superbia nel corso del tempo da Mazzilli e dai sui storici collaboratori.

Il tempo ancora una volta è stato galantuomo; ha saputo evidenziare la fondatezza delle argomentazioni del Movimento Schittulli e la coerenza delle posizioni (anche difficili) prese. Questi mesi hanno evidenziato soprattutto la scarsa lungimiranza politica del Sindaco e di Direzione Italia (oggi Noi con l’Italia), partito di maggioranza relativa e di riferimento del Senatore Perrone.

In queste ultime ore sembra che il quadro politico possa ricomporsi mediante l’appoggio esterno di Noi con L’Italia, Forza Italia e UDC. Siamo ormai all’accanimento terapeutico su di una amministrazione esanime.

L’ennesima farsa utile solo per conservare visibilità e posizioni a scapito della soluzione dei problemi che resteranno ancora una volta irrisolti.

La compagine che si va a delineare sarà più unica che rara. Vorremmo far notare infatti che lo stratagemma dell’appoggio esterno ha solitamente entità ridotta cioè viene attuato da forze minoritarie che sostengono una maggioranza ben definita. In questa situazione che si è delineata, invece, le forze esterne saranno ben più numerose dei consiglieri di maggioranza (Amorese A., Tedeschi S., Maldera Savino).

Questa perversione politica è estremamente pericolosa e dannosa perché rende difficile la distinzione tra chi è maggioranza (e quindi responsabile politico e amministrativo delle scelte e dei percorsi intrapresi) e chi è opposizione.

Nascono quindi facili le domande: chi sarà realmente “maggioranza”? Chi sarà responsabile politicamente delle scelte amministrative del Sindaco e della sua Giunta? A chi i cittadini potranno chiedere conto se tutte le forze si trincerano dietro il facile e di comodo paravento dell’appoggio esterno?

A noi signor Sindaco non rimane che rinnovarle accoratamente l’invito a dimettersi, non prima di aver spiegato ai sui concittadini i motivi di questa e dolorosa agonia della sua amministrazione. Più volte ha annunciato di essere pronto a spiegare…lo faccia ora, lo faccia per Corato lo faccia anche per lei».

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami