Il Premio Cataldo Leone nell’estro dei giovani

Rinnovato l'entusiasmo con cui gli studenti coratini accolgono l'occasione del premio.

Premio Cataldo Leone 2017 a corato
Premio Cataldo Leone 2017

I giovani non sono vasi da riempire, ma fiaccole da accendere”, lo diceva Plutarco e ancora oggi quella frase riecheggia tutte le volte che vogliamo esortare i ragazzi ad avvicinarsi e coltivare la cultura. Così, il Concorso Letterario Cataldo Leone giunge alla sua ottava edizione.

Un’occasione preziosa, per questo, diventa quella per potersi fermare nonostante il turbine della quotidianità e dare voce a pensieri ed emozioni insiti in ognuno di noi, trasformando in parole quelle sensazioni, che inevitabilmente diventano storie o poesie.

Così la letteratura, di cui i grandi artisti nel corso della sua storia, ci hanno fornito le basi, diventa una potenza civilizzatrice, che fa dei giovani, degli uomini volti al progresso costruttivo sociale, economico e soprattutto culturale. Forse, non è totalmente vero che i giovani del Duemila sono stati divorati dalla tecnologia, promettendo una realtà pragmaticamente veloce, facile e sterile di sentimenti e piacere della lentezza.

A dimostrarlo sono stati gli oltre 350 elaborati che hanno partecipato alla ottava edizione del Concorso Letterario “Cataldo Leone”, quest’anno dedicato a Antonietta Bruno e Orazio Caputo. La premiazione tenutasi sabato 27 maggio nel Chiostro comunale ha accolto l’entusiasmo delle scuole partecipanti e non meno, l’immenso orgoglio dell’Associazione organizzatrice.

Otto edizioni sono il risultato di tanti sforzi, sacrifici che ogni anno compiamo per migliorarci, ed è sorprendente il risultato, che equivale alla grande partecipazione dei ragazzi al concorso.” – afferma il Presidente dell’Associazione Massimo Martinelli –“È grande l’orgoglio e il ringraziamento nei confronti delle scuole, che sono in grado di spronare i ragazzi alla scrittura. Oltre alla prosa, anche i partecipanti alla sezione di Poesia dedicata ad Antonietta Bruno e Orazio Caputo ci hanno sorpresi.”

Chi erano queste due figure? A spiegarlo alcuni componimenti letti dal professor Nicola Tullio.

Antonietta di Bari Bruno insegnava presso l’attuale Istituto Tecnico Commerciale. Era stimata soprattutto per la sua grande umanità d’animo. Era nota per la sua capigliatura “alla Beatrice”, con le trecce che passavano sul capo.

In una realtà scevra, ignota, quale quella coratina di quegli anni, lei è stata l’artista che ha fatto conoscere una realtà diversa attraverso i suoi saggi, le sue opere. Un giudizio critico di Gabriele D’annunzio descriveva così la bellezza: “capolavori irrorati di bontà e di bellezza ristorano e riflettono in un alone di simpatia il tuo temperamento d’artista. Grande virtù, la virtù fondamentale dell’arte che vibra col suo sentimento e la sua luce”.
Orazio Caputo è vissuto tra 600 e 700. Era un fabbro che viveva nei pressi del Palazzo di città. Alternava i momenti di lavoro alla scrittura di sonetti con tema la natura, descritta con parole dolcemente ruvide, legate al senso incombente della morte imminente. Le sue opere hanno richiamato lo stile e la retorica di Giambattista Marino e Vincenzo Monti.

«Un ringraziamento fondamentale va all’amministrazione comunale e ai tanti sponsor che hanno contribuito a rendere unica anche questa edizione del concorso, attraverso le loro borse di studio: il Comune di Corato,l’associazione Pro Loco Corato, l’associazione Domenico Calvi, Chiara Clemente, la Universal Dental, Adriatica industriale, l’azienda Attilio Mastromauro, l’associazione Lucrezia e Vincenzo Falco». – afferma ancora Massimo Martinelli.

Novità di quest’anno sono le tre sezioni in cui i ragazzi si sono cimentati nei componimenti: prosa, poesia e territorio e ambiente.

Per quanto riguarda la Prosa, i vincitori degli elaborati delle scuole medie inferiori, sono stati decretati dalla giuria composta dalle insegnati: Angela Di Franco, Concetta Leo e Giuseppina Stolfa; mentre quelli delle scuole medie superiori, sono stati decretati dalla giuria composta dalle insegnanti Concetta Strippoli, Arcangela Colella e Milena Ferrante.

La sezione di poesia, invece, ha visto come giudici Gerardo Giuseppe Strippoli, il dottor Franco Leone e Franco tempesta.

Infine, anche la novità del ramo di ambiente, territorio e salute, presentato dal comitato interassociativo e dall’associazione Tradizione e progresso di cui Presidente è Aldo Fiore, ha visto la partecipazione di molti elaborati che hanno affrontato questo tema.

Infatti, gli stessi sono stati raccolti in un unico libro affidato al sindaco Massimo Mazzilli, dal titolo “Tutti abbiamo piacere di stare in un ambiente pulito, sereno, culturalmente ricco e stimolante”. E così lo stesso afferma: “Il nostro desiderio è quello di portare avanti iniziative come questa, affinchè i nostri ragazzi possano avere la caparbietà di realizzarsi entro i confini della loro città, senza andare altrove.”

Dunque, la giuria che ha selezionato gli elaborati vincitori, è composta dall’insegnante Luisa Varesano, da Corrado De Benedittis e da Vito Di Chio.

Degna di nota è stato il brillante intervento, durante la mattinata, del professor Daniele Giancane, insegnante di Letteratura dell’infanzia presso l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”: “Sono molto onorato di essere stato coinvolto in questa iniziativa. In Puglia ci sono molti concorsi di letteratura per ragazzi, ma quasi mai premi di letteratura “dei” ragazzi, come il Premio Cataldo Leone dimostra.

È importante oggi che la letteratura e la poetica inducano innanzitutto alla riflessione, la tecnologia sempre più evoluta, di cui ormai non riusciamo più a fare a meno ci impediscono la bellezza della meditazione, per questo abbiamo difficoltà a rapportarci alla poesia. Per questo l’Italia è tra gli ultimi posti in Europa per quanto riguarda scrittura e lettura”.

Passiamo al momento tanto atteso, quello della premiazione.

Un forte boato si eleva quando la scuola media “De Gasperi” si aggiudica il premio in quanto scuola che ha partecipato al concorso con più elaborati.

Per la sezione Prosa i vincitori della scuola media inferiore:

  1. Maggiulli Luisa Fernanda (Scuola Media Giovanni XXIII)Borsa di studio Adriatica Industriale di 400,00 euro, con il tema “Malì”.
  2. Varesano Albachiara (Scuola Media Giovanni XXIII)Borsa di studio Adriatica Industriale di 250,00 euro, con il tema “Cuori di latta”.
  3. Iannone Giada (Scuola Media Imbriani)Borsa di studio Domenico Calvi di 150,00 euro, con il tema “Un calcio al bullismo: la storia di Giacomo.

Per la sezione Prosa i vincitori delle scuole medie superiori:

  1. Calò Rosanna (Liceo Classico Oriani)Borsa di studio Attilio Mastromauro di 400,00 euro, con il tema “Um Men Shi Still Do”.
  2. Marcone Manuela (Liceo Classico Oriani)Borsa di studio Chiara Clemente di 250,00 euro, con il tema “Voci dalla storia”.
  3. Mariano Stefano (Liceo Classico Oriani)Borsa di studio Chiara Clemente di 250,00 euro, con il tema “A te”.

Per la sezione Ambiente, salute e territorio i vincitori delle scuole medie inferiori:

  1. Tempesta Vincenzo (Scuola Media Imbriani)Borsa di studio Lucrezia & Vincenzo Falco di 300,00 euro, con il tema “Una città di architetti”.
  2. Patruno Sara (Scuola Media Santarella)Borsa di studio Universal Dental di 200,00 euro, con il tema “Noi e i beni della terra”.
  3. Cialdella Niccolò Gianmaria (Scuola Media Giovanni XXIII)Borsa di studio Pro Loco di 100,00 euro, con il tema “Tutti abbiamo piacere…”

Per la sezione Poesia delle scuole medie inferiori:

  1. De Candia Matilde (Scuola Media Santarella)Borsa di studio Comune di Corato di 250,00 euro, con il tema “A te, Antonietta”.

Per la sezione Poesia delle scuole medie superiori:

  1. Ambrosino Alessia (Liceo Classico Oriani)Borsa di studio Comune di Corato di 250,00 euro, con il tema “Follie di polvere”.

«Senza dubbio, da oggi ci metteremo a lavoro per la nona edizione, c’è tanto entusiasmo e voglia di fare, che in sinergia con i nostri sponsor e la grande collaborazione dell’amministrazione comunale sarà una splendida missione compiuta che si rinnova» conclude Massimo Martinelli.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami