La Diocesi dispone trasferimenti e nuovi incarichi

Don Antonio Maldera sarà il nuovo parroco della "Mater Gratiae". Nuovi incarichi per don Marco Pellegrino, don Francesco Rizzi e don Nicola Bombini.

corato, don antonio maldera
Don Antonio Maldera.

Alcuni giorni fa l’arcivescovo Mons. Giovan Battista Pichierri ha reso noti alcuni cambiamenti in Diocesi comunicando le nuove destinazioni di alcuni sacerdoti. Nella maggior parte dei casi i nuovi incarichi avranno inizio dal 1° settembre 2017.

Tra i coratini che già si sono trasferiti c’è Don Marco Pellegrino. Ordinato sacerdote nel 2015 e dopo un’esperienza da viceparroco a Barletta nella chiesa “Cuore Immacolato di Maria”, dal 1° maggio è viceparroco a Bisceglie nella chiesa “San Silvestro”.

«Sono contento di essere in questa nuova parrocchia dove sono stato sin da subito accolto dalla comunità e dal parroco Don Fabio. – ci ha rivelato Don Marco – Mi aspetto di poter compiere anche qui un tratto di strada verso il Signore con gioia e con le persone che mi sono state affidate».

Tra i sacerdoti che si trasferiranno c’è Don Francesco Rizzi. Ordinato sacerdote nel 2013 e attualmente vicario parrocchiale della “Sacra Famiglia” e studente di “Scienze dei Beni Culturali”, dal 1° settembre svolgerà l’incarico di viceparroco nella chiesa “Santissimo Crocifisso” di Barletta.

«Sono felice, questo è ciò che il Signore ha voluto per me. – ha affermato Don Francesco – Ma sono immensamente grato alla parrocchia Sacra Famiglia perché quello che io sono lo devo a tutta la comunità e a don Fabrizio».

A Bisceglie, nella chiesa di “San Pietro”, andrà a svolgere il suo ministero Don Nicola Bombini, parroco della comunità parrocchiale dell’Oasi “Mater Gratiae” che, invece, da settembre sarà guidata da Don Antonio Maldera.

Formatosi nella congregazione dei Padri Rogazionisti del Cuore di Gesù e ordinato sacerdote nel 2008, Don Antonio è passato alla nostra Arcidiocesi nel 2011 dove prima è stato collaboratore nella parrocchia coratina di “San Domenico”, poi dall’estate del 2012 viceparroco a “San Francesco” e fino a due anni fa cappellano presso l’Ospedale di Corato. Dall’anno scorso è assistente spirituale diocesano dei gruppi del “Rinnovamento nello Spirito”. Dal 1° settembre sarà per la prima volta parroco.

«Spero che i fratelli Ferrara, sacerdoti coratini fondatori dell’Oasi, anch’essi prima Rogazionisti e poi passati alla nostra Arcidiocesi, – ha dichiarato Don Antonio – intercedano per me e per l’apostolato che mi attende nella parrocchia “Mater Gratiae”. Benedico e prego per tutte le famiglie della comunità parrocchiale che mi è stata affidata e per Don Nicola Bombini che l’ha guidata affidando tutti alla materna intercessione di Maria. Affido al Signore la comunità di San Francesco: che Dio la custodisca! E si compia in me la Volontà di Dio».

Altre due le novità per le comunità parrocchiali coratine: Giuseppe Liso, dal prossimo 20 maggio ordinato diacono Permanente, a “San Francesco”, e il diacono Aurelio Carella che, dopo l’ordinazione sacerdotale prevista nel mese di giugno, diventerà viceparroco della “Sacra Famiglia”, dove presta il suo servizio.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami