Corato Calcio, le pagelle di Nico Como

TERLIZZI - CORATO 3-0

le pagelle di nico como
Le pagelle di Nico Como

La rubrica “Le pagelle di Nico Como”, a firma di Nico Como, ogni settimana assegna i voti alle prestazioni di ciascun giocatore nell’ultima gara disputata nell’ambito del campionato di eccellenza che vede impegnato il Corato Calcio.

TERLIZZI – CORATO 3-0

IL TOP – TERLIZZI (voto 8): Banda di ragazzini terribili, costruita ai saldi di inizio carriera, orchestrati con la bacchetta dal Maestro Anaclerio e sul palco dall’unico vecchietto capace di lasciare il segno (Schirone).

IL FLOP – CASA ALBERTA (voto 4): Struttura per anziani responsabile di aver aperto i cancelli, spingendo 100 metri più avanti, pensionati INPS extra-lusso, bravi nel gioco di briscola e scopone.

CASTELLETTI (voto 5): E come sempre il trainer è il parafulmine della situazione. Nella città dei fiori, a prescindere dalle motivazioni, si son visti solo i crisantemi di un’armata Brancaleone, senza capo e coda. Al generale, addebito principalmente di insistere su una difesa a 3, con soldati di fanteria elefantiaci e cola-brodo.

MORRA (voto 6): È come un lupo affamato, che ha voglia di soddisfare se ed i suoi pargoli, ma brancola nel buio, senza trovare cibo per i suoi denti, perché senza rifornimenti. Uniche 2 occasioni, se le crea da solo nel 2° tempo.

CILLI (voto 6): È lanciato nella mischia a freddo, in un momento critico, con tranquillità da veterano. Non può nulla nei 3 goals e nel 2° tempo compie anche 2 buoni interventi.

DE VIVO (voto 6-): Prova a dare lo schiaffo al ciuccio in coma. In realtà era già morto ed il suo diagonale è semplice caramella per Amoruso.

SANTORO (voto 6-): È tra i pochissimi che qualche sgambatina, sui prati in fiore di Terlizzi, la fa. Deve scrollarsi la paura di sbagliare ed osare di più nei cross. Se la linea difensiva fosse a 4, sarebbe stato in concorso di colpa sul 1° gol. A 3 gode della attenuanti generiche.

MONTEDURO (voto 5+): Fase involutiva per lui, rispetto a prestazioni più lineari. Non ha responsabilità dirette, ma la sua prestazione risente del clima generale, distratta e confusionaria.

BONABITACOLA (voto 5+): Esordio per lui dal 1° minuto. Va giudicato come Under o in assoluto? Nel 1° caso non sfiorerebbe la sufficienza, ma siccome siamo in Eccellenza è ruolo e compito troppo arduo per un rampollo come lui giocare in mezzo. A fine p.t. si evidenzia per una telefonata ad Amoruso.

ZINETTI (voto 5+): Anche se nel 1° tempo le 2 uniche conclusioni a rete sono sue, è un suo disimpegno a 70 metri dalla porta a dare campo all’incontrastato Schirone, che illumina il compagno Di Cosola. Subisce come tutti, l’influenza del grigiore collettivo.

SISALLI (voto 5+): Se Castelletti continua nella girandola degli interni, qualche difficoltà ci sarà. L’attenuante per il siculo è che sia per lui una posizione fuori dal suo Kamasutra, ma rimane una prova priva di senso e sostanza.

MANZARI (voto 5): Difronte a 2 veri Marcantoni, come i centrali difensivi terlizzesi, è impalpabile, andando ogni volta a sbattere la testa contro il loro muro e pur dimenandosi con buoni propositi, dimentica il colore del pallone.

DE SANTIS (voto 5): Prova inizialmente con 2 aperture con il goniometro (1 riuscito, l’altro no), poi dà l’impressione di essere come i vigili degli anni 60′ che dirigevano il traffico, su una piattaforma ferma di 50 centimetri. L’unico scatto lo compie recuperando palla dal prato a gioco fermo. Deve fare anche ripetizione della fase di contenimento, per un centrocampo spesso sguarnito.

ANACLERIO (voto 5): Il rischio della difesa a 3 te lo puoi concedere se oltre ad avere difensori centrali esperti e con i contro-razzi, siano anche rapidi. Ma questa purtroppo non è la caratteristica migliore dell’ex barese, almeno ora, che ritarda la giusta lettura della diagonale, facendosi tagliare da Di Cosola, come il burro su un cracker Pavesi.

COLANGIONE (voto 5): Se per Anaclerio non è la caratteristica migliore, per il buon Matteo è proprio una croce. Viene praticamente fumato dal 19enne Di Cosola nel 2° gol ed in ritardo su molte letture sugli attaccanti di casa. Serve scudo di spessore nelle retrovie.

SGUERA (voto NO GRAZIE): Che fine ha fatto e perché non gioca l’attaccante più in forma con Morra di inizio stagione? Non era “la coppia bella più bella del mondo”?

DIAGNÈ (N.G.): Non avrà secondo alcuni il piedino aristocratico, ma perlomeno da equilibrio, quantità.

 

 

 

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami