Corato Calcio, le pagelle di Nico Como

CORATO - MESAGNE 2-1

le pagelle di nico como
Le pagelle di Nico Como

La rubrica “Le pagelle di Nico Como”, a firma di Nico Como, ogni settimana assegna i voti alle prestazioni di ciascun giocatore nell’ultima gara disputata nell’ambito del campionato di eccellenza che vede impegnato il Corato Calcio.

CORATO – MESAGNE 2-1

IL TOP – DI MATERA (voto 7,5): un tempo si chiamava punizione a “foglia morta”, inventata da Mariolino Corso, negli anni 60′ con palloni pesantissimi, come domenica, sia per le condizioni del campo sia per il momento delicato. Riapre la gara e da maggiore verve, togliendo le castagne dal fuoco.

FLOP – LA BUROCRAZIA (voto 4): il calcio senza tifo, è depressione. Tanto tempo per adempiere a tali passaggi per un’agibilità già evidente?

ZINFOLLINO (voto 7): ha la capacità di far mantenere la calma, anche quando il cielo diventa buio pesto ed azzecca i 2 cambi vincenti di Di Matera e Loseto.

LOSETO (voto 7+): per “par condicio”, Di Matera sta al pareggio, come Loseto sta alla vittoria. Un gol di rabbia per il goleador più prolifico in proporzione ai minuti giocati. Forse paga l’equivoco iniziale di essere stato ingaggiato da centrocampista che non è.

LORUSSO (voto 7): come già a Barletta, in crescita di personalità, si nota per 2 interessanti aperture e da il “La” per l’azione del 2-1.

DIAGNÈ (voto 7): non sarà forse un vero artista da Museo delle Belle Arti, ma è quell’idraulico necessario in ogni squadra, capace di tamponare le perdite d’acqua di ogni tubazione.

ZINETTI (voto 7): pur col pantano, eccede in sicurezza, ma scorazza nelle praterie e consegna a domicilio 2 invitanti pacchi per il gols a Sisalli.

SISALLI (voto 7): croce e delizia. Si trova quasi in tutte le salse, specie nelle conclusioni della 1° frazione (positivo), ma nel contempo risulta un po’ impreciso e poco ispirato.

COLANGIONE (voto 7): gli abboniamo lo 0,50 di handicap da amministrazione da Fantacalcio, perché in effetti il presunto fallo commesso è scolastico, ovvero inesistente. Per il resto da tranquillità al reparto senza affanni.

SANTORO (voto 7): un paio di sviste che potevano essere autolesioniste, ma nel 2° un salvataggio sulla linea che equivale ad un gol segnato.

LADOGANA (voto 7): è di fatto una 2^ punta. Arriva in ritardo all’appuntamento al gol e ne manca uno a 2 passi, più utile da assistman, prima su Manzari, poi involontariamente colpendo il legno prima del 2-1.

MANZARI (voto 7): chi vive di gols, in sua assenza ne soffre. Ma il barese scalpita, propone un ottimo assist, si ritrova tu x tu, col portiere avversario e più per bravura di quest’ultimo fallisce l’occasione.

PIARULLI (voto 7): nel 1° prova l’affondo in un paio di circostanze senza risultato, mentre nel 2° si evidenzia consentendo l’imbeccata di Diagne’ che sfiora il gol.

MONTEDURO (voto 7): vive una giornata da impiegato statale, di ordinaria amministrazione, si per la pochezza degli avversari ed anche per meriti di tutto il pacchetto difensivo e non solo.

CILLI (N.G.): in un campo di acqua e fango, riesce comunque a rientrare negli spogliatoi, immacolato, se non fosse per il rigore subito.

 

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami