Ciak sull’universo femminile, al via da oggi la rassegna Fidapa

I film, proiettati nel cinema Alfieri, saranno “Tonya” (19 novembre), “Tre manifesti a Ebbing, Missouri” (26 novembre), “Sole cuore amore” (3 dicembre), “Viaggio sola” (4 dicembre), “Tully” (10 dicembre)

Ciak sull’universo femminile, al via da oggi la rassegna Fidapa
"Tonya" è il primo dei film della rassegna cinematografica Fidapa in programmazione al cinema Alfieri questa sera a partire dalle 20.30

Mille modi di essere donna attraverso i propri vissuti, i diversi contesti socio-culturali, nelle diverse situazioni più intime dell’universo femminile. La rassegna cinematografica della FIDAPA BPW Italy – Sezione di Corato intende mettere in luce i diversi aspetti della femminilità che, pur restando invariata nel suo profondo e nella bellezza, si plasma con i tempi e le evoluzioni di carattere sociale e culturale.

Tale iniziativa, che parte oggi, si inserisce nella programmazione delle attività di sezione realizzate nell’ambito del tema nazionale “La creatività femminile, la cultura dell’innovazione motori di diverso sviluppo socio-economico. Obiettivi e progetti”.

Le donne sanno far quadrare i conti, si rimboccano le maniche, riescono a portare avanti diverse attività in un’unica giornata (spesa, lavoro, palestra, cura dei figli, dei genitori anziani, del partner). Mamme e figlie, compagne e mogli, pronte a venire incontro ai bisogni dei familiari, sono anche amiche di salvataggio per quelle più vulnerabili tra loro, visto che tra le donne è molto forte la cosiddetta “sorellanza”, una serie di sentimenti che le unisce nel tempo e nelle diverse circostanze della vita. Le donne possono essere dolci e tenere, forti e passionali, chiacchierone o timide, positive anche se le loro giornate si colorano di grigio, perché sono sorridenti e sempre pronte a rialzarsi. Insieme costituiscono un mondo dalle infinite sfumature e sfaccettature…tutte da scoprire.

Cinque, come sempre, i film proposti: “Tonya” (19 novembre), “Tre manifesti a Ebbing, Missouri” (26 novembre), “Sole cuore amore” (3 dicembre), “Viaggio sola” (4 dicembre), “Tully” (10 dicembre).

I film saranno proiettati nelle sale del cinema Alfieri a partire dalle 20.30, ad eccezione di “Viaggio sola” la cui proiezione è fissata alle ore 17.00. L’abbonamento per le proiezioni ha un costo di 15 euro.

I film:

TONYA

Tonya Harding non ha avuto un’infanzia facile e le cose non le sono andate meglio crescendo. Eppure, sebbene sofferente d’asma e forte fumatrice, da sempre e per sempre poco amata dai giudici di gara, che non la ritenevano all’altezza di un modello da proporre, la Harding è stata una grande pattinatrice, la seconda donna ad eseguire un triplo axel in una competizione ufficiale e tuttora una delle pochissime ad averne avuto il coraggio, tanto che il film di Gillespie, che racconta la sua ascesa e la sua caduta, ripercorrendo la sua biografia dai 4 ai 44 anni, ha dovuto supplire con effetti speciali, non trovando nessuna controfigura disposta o capace di farlo.

TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI

Mildred Hayes non si dà pace. Madre di Angela, una ragazzina violentata e uccisa nella provincia profonda del Missouri, Mildred ha deciso di sollecitare la polizia locale a indagare sul delitto e a consegnarle il colpevole. Dando fondo ai risparmi, commissiona tre manifesti con tre messaggi precisi diretti a Bill Willoughby, sceriffo di Ebbing. Affissi in bella mostra alle porte del paese, provocheranno reazioni disparate e disperate, “riaprendo” il caso e rivelando il meglio e il peggio della comunità.

SOLE CUORE AMORE

Ogni mattina Eli si sveglia prima che faccia giorno e affronta una traversata di due ore a bordo di pullman, metropolitane e autobus per raggiungere il posto di lavoro. Fa la barista in zona Tuscolana a Roma, ci sa fare con i clienti che apprezzano le sue crostatine fatte a mano, e ci mette del suo per rendere un incarico malpagato (in nero) qualcosa di vitale e gratificante. Del resto, con quattro figli da mantenere e un marito che ha voglia di lavorare ma nessuno che gli dia un incarico serio, c’è poco da fare la difficile: dunque Eli sopporta l’ignavo padrone del bar e la sua moglie maleducata, e sogna un futuro più semplice e più stabile.

Vale è una performer che usa la danza moderna per esprimere la propria combattività, la stessa che la spinge a difendere la sua partner da un “impresario” violento e a litigare con la madre, borghesuccia col tubino nero e i pareri non richiesti.

Eli e Vale sono amiche da sempre, anzi, “sorelle”. Hanno in comune l’amore per il ballo, che Eli ha accantonato per tirare su la famiglia, e il desiderio di non soccombere alla quotidianità. Una battaglia che richiede generosità e fatica. Ma di fatica si può anche morire, in un presente in cui la frustrazione implode senza trovare un riscatto sociale.

VIAGGIO SOLA

Irene è un’ispettrice alberghiera che valuta e giudica le prestazioni di hotel di lusso. Pignola e scrupolosa, soggiorna nell’albergo di turno all’insaputa di direttori e personali, infilando i guanti bianchi e spiegando il suo kit da lavoro. In volo tra una città e un’altra, Irene viaggia sola e dentro una vita a cinque stelle che le impedisce di mettere radici. A terra l’aspettano Andrea, ex fidanzato ed eterno amico, e Silvia, sorella con marito e prole, che sogna un giorno di vederla “sistemata”. Attenta ai particolari, Irene sembra però perdere il quadro generale. Il decesso di un’antropologa conosciuta nella spa di un hotel berlinese la precipita nel caos, disorientandola come i direttori che ammonisce.

TULLY

Marlo ha più di quarant’anni, due figli (di cui uno “problematico”) e un terzo in arrivo, e non ne può proprio più. Fin dalle prime scene la vediamo sull’orlo di un esaurimento nervoso, nonostante la bella casa e il marito affettuoso. Il fratello Craig, che è diventato ricco anche se, come Marlo, è partito da una condizione disagiata, le offre come regalo di maternità una nanny notturna, di quelle che permettono alle neomamme di svegliarsi solo al momento della poppata e riaddormentarsi subito dopo. Inizialmente Marlo rifiuta, un po’ per orgoglio e un po’ perché non le piace l’idea di delegare il ruolo materno ad una sconosciuta. Ma con il passare del tempo le due donne stringeranno una fruttuosa collaborazione che si trasformerà in una vera amicizia.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami