Cavalli e carrozze in sfilata: l’immagine di una Corato di altri tempi. VIDEO

0
1
[su_youtube url=”http://www.youtube.com/watch?v=y8Yns75-EOk”]http://www.youtube.com/watch?v=0zPaEYJyC2Q[/su_youtube]
Anche quest’anno lo strepitoso successo della XXIII edizione della sfilata di carrozze ed attacchi agricoli e da lavoro di fine ‘800- inizi ‘900, organizzata dalla Pro Loco Quadratum ed in particolare dal socio sig. Vito Scatamacchia, ha lasciato un’impronta non indifferente nella città di Corato.
Sin dai suoi albori, la manifestazione attira partecipanti curiosi di ammirare e far ammirare i mezzi di trasporto dell’epoca, provenienti dai paesi limitrofi di tutta la Puglia: Lecce, Santeramo in Colle, Francavilla al Mare, Altamura, Taranto e Lecce.
Il socio promotore dell’iniziativa sig. Vito Scatamacchia è riuscito a far confluire lungo l’extramurale, partendo dallo slargo adiacente il Parco Comunale di Via S. Elia, ben 62 partecipanti, tra cui carrozze e carri da lavoro con gli oggetti usati durante la vendemmia, tema principale a cui questa 23 edizione, osa ispirarsi.
«La vendemmia equivale alla fine di un lungo percorso di lavoro, il frutto di un grande lavoro dei campi, dalla cura delle vigne alla festa per il prodotto, che allietava le feste non sempre quotidiane, in famiglia».
Rievocando una particolare atmosfera della vita in campagna che ha saputo sorprendere grande e piccini, anche attraverso un abbigliamento dei conducenti intonati all’epoca, si è realizzato il desiderio per far rivivere il nostro passato per far conoscere alle nuove generazione le radici storiche e natie, assieme ad odori e suoni dimenticati.
L’eleganza di cavalli come purosangue, stalloni, destrieri, murgesi, una razza autoctona dal manto nero luminoso, veloci, infaticabili ed aggraziati. Non sfigurano al tiro a tre gli indigeni, possenti cavalli a sangue misto, muli capaci di trasportare pesi non indifferente, assieme a qualche mansueto asinello che fa del suo meglio per soddisfare le esigenze del padrone. Queste le categorie che allietano la passeggiata per il centro della città.
“Scorgere la meraviglia negli occhi dei bambini che vedevano sfilare carrozze e attacchi di ogni genere, trainati da bellissimi cavalli, è stato il premio migliore di tutti gli sforzi che ci sono voluti per organizzarla” – afferma il sindaco Massimo Mazzilli. “Da sempre queste tradizioni segnano la nostra vita ed è giusto trasmetterle vive alle nuove generazioni.”
Al termine della manifestazione, presso il Turismo Rurale Sansanello, ore 13.30 circa è stato offerto ai partecipanti un pranzo conviviale.
[su_box title=”I ringraziamenti del Presidente della Pro Loco Quadratum” style=”glass” box_color=”#bb6c37″]La XXIII Sfilata di Carrozze e Attacchi d’Epoca, svoltasi domenica scorsa, ha registrato un grande  riscontro di partecipazione e entusiasmo.
Mi corre l’obbligo e il dovere, attraverso le Vostre testate di fare dei ringraziamenti. Riusciamo a mantenere in vita questa bella iniziativa, all’insegna della tradizione e nel rievocare un passato, per fortuna non del tutto remoto, grazie all’abnegazione del nostro socio VITO SCATAMACCHIA, che dalla prima edizione si occupa dell’organizzazione con una passione intramontabile.
I ringraziamenti della Pro Loco vanno a tutti i partecipanti, al Sindaco e all’intera Amministrazione Comunale per il sostegno economico e morale, alle Aziende sostenitrici, alle forze dell’ordine, al SERCORATO, alle GUARDIE AMBIENTALI D’ITALIA, all’ Agriturismo TORRE SANSANELLO, a CORATOLIVE, a LOSTRADONE. Tutti hanno contribuito a rendere grande questa edizione.
Arrivederci alla XXIV EDIZIONE.[/su_box]
Video di Michele Tarantini

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz