Bovino, Lenoci, Longo: “La Città deve sapere”

Una parte dell'Opposizione domani si ritroverà insieme e senza bandiere in Largo Plebiscito

Dopo il Consiglio sotto il monumento
Il monumento a Matteo Renato Imbriani-Poerio a Corato. Fonte PicClick

Qualunque cosa accada loro ci saranno per raccontarlo alla Città: dopo una seduta di Consiglio comunale che si immagina infuocata più di queste afose giornate di fine luglio, Vito Bovino, Emanuele Lenoci, Paolo Loizzo, Niccolò Longo, incontreranno i coratini domani in Largo Plebiscito alle 20.30. “Per informarli -scrivono in un comunicato- e rispondere alle loro domande”.

Più di quella dei tre consiglieri della lista “Amorese”, che hanno in questi giorni marcato una distinzione dal resto della Opposizione manifestando la disponibilità a sostenere il governo D’Introno -sempre che abbia i numeri per governare-, salta agli occhi l’assenza dell’altro consigliere della Minoranza, Corrado De Benedittis. Evidentemente De Benedittis vuol giocare in solitudine questa partita politica in cui è parso che protagonista assoluta fosse la divisione, quella di tutti nei confronti di tutti.

I consiglieri dell’Opposizione che hanno messo da parte le differenze e domani sera si presenteranno insieme -Loizzo non ci sarà per impegni personali ma ha fatto sapere di essere della partita- condividono la consapevolezza “che in questo momento particolarmente travagliato della vita politica coratina sia indispensabile dialogare con tutti i cittadini”.

Senza bandiere Vito Bovino, Emanuele Lenoci, Niccolò Longo si ritroveranno dunque in Largo Plebiscito che non è solo una piazza storica della Città ma, con il monumento elevato a Matteo Renato Imbriani-Poerio, è il luogo che Corato più di altri ha dedicato al civismo: non alla sua retorica ma alla sua memoria e alla sua testimonianza.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami