Bianco, Rosso & Verd’Olio (ovvero, la ruralità a colori)

Catena Fiorello, Giacomo De Siante e Livio Minafra: un tris d’assi tra enogastronomia, musica e tradizione sancisce il ritorno di fiamma di “Bianco, Rosso e Verd’olio”, la seconda edizione della vetrina di primavera organizzata dal GAL “Le Città di Castel del Monte” nell’ambito della 576esima edizione della storica “Fiera d’Aprile” di Andria.

Le eccellenze agroalimentari delle aree rurali di Andria e Corato, infatti, ritornano protagoniste, dal 26 al 28 aprile 2013, della tre giorni ideata dal GAL, stavolta nello storico chiostro di San Francesco, dove verranno riproposte le suggestioni gustative, uditive, olfattive e visive in tre distinte serate “a tema” dedicate, rispettivamente, alla valorizzazione ed alla degustazione dei prodotti caseari (venerdì 26 aprile – tema “bianco”), del vino (sabato 27 aprile – tema “rosso”) e dell’olio extravergine di oliva (domenica 28 aprile – tema “verd’olio”), tutte accompagnate da altrettanti laboratori del gusto tenuti da esperti dei rispettivi settori. A questo aspetto, caratteristico della kermesse del Gal di Andria e Corato, si legano le novità dell’edizione 2013: testimonial, infatti, saranno Catena Fiorello (scrittrice e sorella del noto showman “Fiore”) che presenterà il suo ultimo libro di ricette “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” (Rizzoli 2013); il virtuoso della fisarmonica Giacomo De Siante, tra i maggiori strumentisti italiani; il talentuoso pianista Livio Minafra, figlio d’arte del grande Pino Minafra e jazzista di fama internazionale.

Le novità della seconda edizione non finiscono però qui. Nel corso della tre giorni, gli “ospiti” potranno assistere alla presentazione della rassegna fotografica europea “Immagini dell’Europa Rurale” mentre domenica 28 aprile insieme alle degustazioni “classiche” saranno presentate alcune varietà di gelato all’olio preparate da maestri artigiani andriesi. Una seconda edizione da non perdere che anche quest’anno vede la partecipazione di due protagonisti di prestigio del comparto agroalimentare del territorio, come la Strada dei Vini Doc Castel del Monte e La Strada dell’Olio di Oliva Castel del Monte e l’ANFOSC, associazione nazionale di tutela dei formaggio prodotti con latte di animali al pascolo. 

Per i laboratori, tutti gratuiti, è indispensabile la prenotazione sul sitowww.galcdm.it

PROGRAMMA

VENERDI’ 26 APRILE – “Bianco”

h 19:00 – Inaugurazione evento

h 19:30 – Catena Fiorello presenta “Dacci oggi il nostro pane quotidiano. Ricordi, sogni e ricette di una famiglia come tante”. Incontro e dibattito.

h 20:30 – Comparazione tra mozzarella prodotta da latte con siero innesto e mozzarella con acido citrico a cura dell’ ANFOSC, Ass. nazionale valorizzazione e tutela formaggi ottenuti con latte di animali al pascolo.

h 21:30 – Degustazione di mozzarella e vini bianchi autoctoni

h 22:15 – Concerto del M° fisarmonicista Giacomo De Siante

SABATO 27 APRILE – “Rosso”

h 19:00/21:00 – Corsi di degustazione vini a cura de La Strada dei Vini Doc Castel del Monte. I corsi sul vino sono gratuiti ma è necessario prenotarsi (fino ad esaurimento dei posti disponibili), inviando una mail a animazione@galcdm.it.

h 21:30 – “Suoni DiVini”: assaggi di vini autoctoni a cura della Strada del Vino Doc Castel del Monte accompagnati dall’esibizione al pianoforte del M° Livio Minafra.

DOMENICA 28 APRILE – “Verd’olio”

h 19:00 – Corso di degustazione degli oli extra vergini di oliva a cura de La Strada dell’Olio di Oliva Castel del Monte. I corsi sull’olio sono gratuiti ma è necessario prenotarsi (fino ad esaurimento dei posti disponibili) inviando una mail a animazione@galcdm.it.

h 20:30 – Degustazione di olio delle aziende associate alla Strada dell’Olio di Oliva Castel del Monte e di varietà di gelato all’olio extravergine d’oliva a cura di maestri artigiani andriesi.

Nel corso delle tre giornate sarà esposta inoltre l’eccezionale rassegna fotografica “Immagini dell’Europa Rurale”,istantanee sul mondo dell’agricoltura provenienti dai 27 paesi membri dell’ Unione Europea (mostra a cura della Rete Europea di Sviluppo Rurale).

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami