Assistenza agli anziani in ambiente domestico: pubblicato dalla Regione Puglia l’Avviso per l’accesso al contributo


Approvato con Determina n. 461/2014 della Dirigente del Servizio Programmazione Sociale ed Integrazione Sociosanitaria della Regione Puglia l’Avviso pubblico per la presentazione di manifestazioni di interesse per progetti di vita indipendente di Ambient Assisted Living (Pr.A.A.L.), in favore di persone ultrasessantacinquenni in condizione di non autosufficienza.

Finalità

La finalità complessiva dei Progetti di Ambient Assisted Living è quella di sostenere la vita indipendente, con la quale si intende dare la possibilità, per una persona di età superiore ai 65 anni, di autodeterminarsi e di poter vivere il più possibile in condizioni di autonomia, avendo la capacità di prendere decisioni riguardanti la propria vita e di svolgere attività di propria scelta.

I beneficiari del progetto, infatti, possono scegliere di acquisire le tecnologie domotiche per l’allestimento e la fruizione dell’ambiente domestico, avendo l’opportunità di decidere in prima persona l’agire quotidiano che va dalla mobilità all’interno della propria casa a tutte quelle azioni volte a garantire l’autonomia di vita. Le soluzioni tecnologiche nell’ambito della indipendenza e della sicurezza sono riferite alle seguenti due macro aree:

  • sistemi per la gestione semplice e sicura di applicazioni domestiche (Easy and Safe Home Control)

  • sistemi per il monitoraggio e controllo delle attività quotidiane (Daily Activity Monitoring)

Beneficiari

Possono proporre istanza di contributo persone non autosufficienti con età superiore ai 65 anni, che abbiano permanenti limitazioni nella capacità autonoma di movimento ovvero nelle attività di vita quotidiana (Activity Daily Living), con certificazione di handicap o di invalidità rilasciata ai sensi dell’art. 3 comma 3 della legge n. 104/92, che in ogni caso presentino discrete potenzialità di autonomia e abbiano manifestato in maniera autonoma, anche assistita da altri componenti del nucleo familiare, la volontà di realizzare un personale progetto di vita autonoma e sicura nel contesto domestico grazie alle tecnologie domotiche, per quanto possibile in relazione al grado di non autosufficienza. I requisiti specifici di accesso al contributo, stabiliti all’art.3 dell’Avviso pubblico, sono:

  1. essere residenti nel territorio della Regione Puglia da almeno 12 mesi, prima della pubblicazione dell’Avviso;

  2. vivere stabilmente presso la propria abitazione nel proprio contesto familiare;

  3. essere in possesso di certificazione di handicap o di invalidità rilasciata ai sensi dell’art. 3, comma 3, della legge n. 104/1992;

  4. avere un reddito individuale a ogni titolo percepito (ivi inclusi redditi non fiscalmente rilevanti) e riferito al 2013, non superiore a € 30.000,00;

  5. presentare un progetto di vita indipendente di Ambient Assisted Living che risulti coerente con gli obiettivi e le finalità del progetto “make it ReAAL”, progetto finanziato dalla Commissione Europea, la cui finalità è quella di consentire alle persone non autosufficienti di acquisire un set di applicazioni e servizi di Ambient Assistent Living (AAL) utili al soddisfacimento delle necessità connesse alla graduale perdita di autonomia;

  6. titolo di disponibilità in uso dell’abitazione in cui la persona ha la dimora abituale per un periodo pari o superiore a 3 anni dalla data di domanda del beneficio, nonché attestazione di abitabilità supportata dal certificato di messa a norma degli impianti dell’abitazione medesima.

Natura del contributo economico

Per ciascun Progetti di Ambient Assisted Living (Pr.A.A.L.) è riconosciuto un contributo massimo di € 6.000,00 per ciascun destinatario e per il periodo complessivo di durata del progetto. Il contributo del Pr.A.A.L. non è cumulabile con altri benefici di sostegno al reddito a carattere nazionale e regionale; è, invece, cumulabile con i benefici economici strettamente connessi alla fruizione di servizi socioassistenziali, quali ad esempio i buoni servizio di conciliazione per l’accesso ai servizi a ciclo diurno e alle prestazioni domiciliari sociosanitarie aggiuntive e a domanda individuale. L’ammissione a finanziamento del Pr.A.L.L. resta subordinata alla positiva conclusione della istruttoria e alla capienza nella disponibilità finanziaria assegnata con l’Avviso pubblico per complessivi € 849.742,00.

Presentazione delle istanze

Le modalità di presentazione delle istanze da parte dei destinatari potenziali, nonché tutte le procedure connesse al riconoscimento del contributo, sono specificate nell’Avviso pubblico.

La domanda di istanza per la manifestazione di interesse per la presentazione di un Progetto di Ambient Assisted Living, che potrà essere effettuata fino alle ore 13.00 del giorno 1 marzo 2015, dovrà essere presentata esclusivamente on-line: i soggetti interessati devono accedere alla pagina dedicata del sito regionale www.sistema.puglia.it e cliccare su Procedure Telematiche PR.A.A.L., mentre per la descrizione dettagliata della procedura cliccare su Procedure Telematiche Supporto Tecnico.

Superfluo ma utile ricordare che saranno finanziate, fino ad esaurimento delle risorse stanziate e in base all’ordine temporale di arrivo, quelle istanze presentate in possesso dei requisiti richiesti e che l’immissione della domanda on-line non costituisce titolo di ammissione a finanziamento.

Centri ausili e domotica sociale: info e contatti

Per l’attività di assistenza e consulenza nella formulazione e redazione dei PR.A.A.L. si farà riferimento ad uno dei centri ausili e domotica sociale presenti sul territorio regionale, come di seguito elencati:

Centro Ausili CERCAT a Cerignola prov. di Foggia (www.cercat.it)

Centro DOMOS a Conversano prov. di Bari (www.domoticasociale.it)

Centro CATA a Bitonto prov. di Bari (www.personabile.org)

Centro Ausili a Ostuni prov. di Brindisi (www.emedea.it/centro‐ausili)

Oltre che per maggiori informazioni e delucidazioni, un particolare supporto alla compilazione della domanda di istanza per la manifestazione di interesse potrebbe essere garantito dalle locali Associazioni di riferimento per le persone non autosufficienti: la CGDA ONLUS – Coordinamento tra Genitori di Diversamente Abili (associazionecgda@gmail.com – 380.3615894), ha già assicurato l’assoluta disponibilità.

Vincenzo Biancolillo

mail to: vincenzobiancolillo@hotmail

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami