Anche a Corato approda il Disegno di Legge sulla Bellezza

Nel pomeriggio del 21 marzo, presso Corte Bracco dei Germani, si è tenuto un convegno alla presenza di un folto pubblico che ha accolto l’Assessore Regionale Alfonso Pisicchio in tour in Puglia

Anche a Corato approda il Disegno di Legge sulla Bellezza

Nel pomeriggio del 21 marzo, presso Corte Bracco dei Germani, si è tenuto un convegno avente a tema il Disegno di Legge sulla Bellezza. Una sala gremita di un pubblico non solo di tecnici, ha accolto calorosamente l’Assessore Regionale Alfonso Pisicchio. Ha introdotto il Dott. Maurizio Vernice, della Lista Civica Rinnovamento Corato, che ha ricordato l’affetto di Pisicchio nei confronti della nostra cara Corato, e l’importante supporto che quest’ultimo ha sempre fornito alle Amministrazioni che a Corato si sono alternate negli anni scorsi. Egli ha inoltre sottolineato la necessità e l’utilità per il bene comune di poter coltivare un così illustre riferimento nell’ambito Istituzionale della Regione Puglia, per la crescita della nostra Città.

Il dott. Emanuele Lenoci, candidato Sindaco della coalizione Innovazione Civica, ha ringraziato l’Assessore Pisicchio per la sua presenza, sottolineando alcuni punti programmatici della attuale Campagna Elettorale per le imminenti Amministrative a Corato, ed alcune Linee Guida che determineranno, in caso di sua elezione a Sindaco, veri e propri cambiamenti rispetto al passato, quindi una rottura piena con la politica clientelare, ed un agire solo per il bene comune, cosa possibile anche per l’assenza di interessi personali, data la sua estrazione scevra dalla ricerca di indotti derivanti dalla politica, sottolineando  l’importanza di un’azione innovativa, anche nelle tecnologie. Ha altresì stigmatizzato l’impropria trattazione singolarmente di tre punti programmatici importanti per la vita e la espansione di una Città, come il Piano Urbanistico Generale, il Piano del Commercio, ed il Piano del Traffico e della Mobilità Sostenibile, che vanno assolutamente strutturati contestualmente, e non uno per volta, tenendo conto l’uno degli altri due. Solo così si potrà pensare e pianificare una Città “Ospitale”, una Città modello, che tenga in gran conto anche le Periferie, per evitare di creare dei ghetti, o di de-ghettizare alcuni quartieri, allorquando ce ne siano già ghettizzati.

Cosa, quest’ultima, sottolineata dal Dott. Antonio Vangi, della Lista Civica Nuove Strade per Corato, intervenuto in seguito, che ha puntualizzato l’importanza dell’Innovazione Tecnologica nei moderni metodi di Governance dei Comuni, e quindi della necessità di una attività di scouting a livello internazionale, per l’individuazione di tecnologie innovative che permettano risparmi in termini di spesa pubblica e risorse umane, e che siano aperte e modulabili dall’utenza stessa. Lo stesso Antonio Vangi, per la sua vasta esperienza in materia, sarà parte dello staff del Candidato Sindaco Emanuele Lenoci, come esperto in tecnologie di nuova generazione. All’uopo ha celermente citato l’esistenza di nuovi metodi di riparazione delle strade, quindi ha precisato di avere a cuore uno dei punti di forza del programma, inerente la riparazione del manto stradale urbano quindi il ripristino di una viabilità all’altezza di una Città come la nostra.

Infine, last but not least, l’atteso intervento dell’Assessore Pisicchio, che dopo aver ricordato il suo particolare attaccamento a Corato, Città natale di suo padre Natale Pisicchio, ha stigmatizzato il condizionamento sulle campagne elettorali locali in merito alle composizioni delle coalizioni, sottolineando di non aver mai indirizzato il suo riferimento su Corato Maurizio Vernice, e il Candidato Sindaco Lenoci,  su aggregazioni solo numeriche-matematiche mirate al raggiungimento del maggior numero di consensi, bensì di aver apprezzato fin dall’inizio la mission del raggruppamento di Liste Civiche “Innovazione Civica”, fatta di liste omogenee, che si stanno dando un programma innovativo, strutturato per il cambiamento radicale rispetto al passato anche recente, il ripristino della moralità da mettere davanti a tutto il resto, l’assenza quindi di interessi privati, ed il ritorno alla trasparenza, riprendendo quindi alcuni dei concetti “chiave” espressi prima da Maurizio Vernice e dal Candidato Sindaco Emanuele Lenoci.

Ha proseguito entrando nel merito della proposta di un Disegno di Legge che mette al centro la tematica della bellezza, come prioritaria caratteristica che tutti riconoscono, per i nostri Comuni, e le peculiarità Culturali e Naturali che racchiudono e che vanno preservati e valorizzati. Mettere in primo piano la bellezza, serve a costruire il nostro futuro sviluppo, in quanto comprende un selezione peculiare di quello che è la nostra storia e le nostre radici culturali, e nel contempo può aiutarci a configurare un buon metodo per superare la situazione di ristagno in cui versa la nostra economia da anni, e quindi catalizzare le attenzioni di tutti perché si possa essere un Paese capace di muovere anche investimenti, sulla valorizzazione di paesaggi naturali e beni culturali. La mission di questo progetto di Legge è quella di sensibilizzare e indirizzare tutti sulla opportunità di intensificare l’attività di conservazione dei nostri patrimoni culturali e di valorizzazione di questi ultimi, conseguentemente la creazione di nuova bellezza. In sintesi, la capacità di intrecciare un nuovo concetto di estetica, con il riscontro alla richiesta di abitazioni e nuovi spazi nell’ambito cittadino, che però garantiscano contestualmente buoni o ottimi livelli di “abitare sostenibile” e di sicurezza delle città, e che vadano ad integrarsi con le nostre origini identitarie, migliorandone l’indice qualitativo. La vera mission di questa proposta di Legge è costruire un nuovo modello di sviluppo urbano sostenibile, che ripristini quanto “cannibalizzato” da un’attività di “cementificazione selvaggia”, che negli anni ha danneggiato la bellezza naturale dei nostri comuni. Quindi è arrivato il momento di volgere il nostro sguardo verso best practice che possano portare benefici nelle nostre città, in quanto a fruibilità, sicurezza e vivibilità, preservando la nostra storia, la nostra identità, o anche ripristinandole in alcuni casi, e ovviamente migliorare, conseguentemente, i livelli di socializzazione e soprattutto di funzionalità, dinamismo, efficienza, e di riflesso intraprendenza, ed energia vitale.

Sono seguiti, in chiusura, alcuni interventi tra i quali quello di un Architetto, un altro di Carlo Roselli che ha raccomandato più attenzioni alle periferie, riprendendo un concetto espresso prima dal Candidato Sindaco Emanuele Lenoci in merito, e riferendosi in particolare al Quartiere Belvedere, quello del sottoscritto, che ha ripreso alcuni punti chiave delle linee guida del Candidato Sindaco, ed infine un intervento sul Settore Sociale del Dott. Luca Cifarelli.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami