All’ospedale Umberto I un pomeriggio dedicato alle mamme ed ai loro piccoli

Consigli per le mamme, laboratori per i piccoli e la consegna dei diplomi di donatori fin dalla nascita da parte di Adisco

L'ospedale Umberto I ha spalancato le porte alle mamme ed ai loro piccoli
L'ospedale Umberto I ha spalancato le porte alle mamme ed ai loro piccoli

Per il secondo anno consecutivo, nel mese dedicato alla figura della mamma, sabato 18 maggio il reparto di Ostetricia-Ginecologia dell’Ospedale Umberto I di Corato ha spalancato le porte per accogliere le prossime e le neo mamme con i loro piccoli.

L’evento, organizzato in collaborazione con la sede cittadina di Adisco, ha visto la presentazione di diverse iniziative concomitanti, a partire dall’ormai consueta consegna, da parte di Adisco, dei diplomi di donatori fin dalla nascita a tutti i bambini nati a Corato ed alle loro mamme che, nell’ultimo anno, hanno scelto di donare il sangue del cordone ombelicale.

«Nell’ultimo anno – fanno sapere da Adisco – all’ospedale Umberto I di Corato sono state raccolte poco più di 200 donazioni di sangue cordonale, a fronte di circa 860 parti effettuati». Un numero, quello dei nati nel reparto di Ostetricia-Ginecologia dell’Umberto I, in lieve calo rispetto al passato a causa dell’impossibilità di praticare l’anestesia, su richiesta della partoriente.

Le poltrone per l’allattamento donate da Adisco Corato

L’Associazione donatrici di sangue cordonale ha altresì omaggiato il reparto, con il quale ha avviato, sin dalla sua costituzione, un rapporto di costante sostegno e collaborazione, di due poltrone per l’allattamento. Dal canto loro, le ostetriche hanno messo a disposizione le conoscenze sul tema dell’allattamento, per rispondere a bisogni e quesiti delle neomamme, sciogliendo dubbi e perplessità. Ne “Il the con l’ostetrica” infatti, le ostetriche hanno incontrato le future mamme per rispondere alle loro domande circa gravidanza, parto ed allattamento, dando inoltre la possibilità alle gestanti dalla 34^ settimana, di iscriversi ad incontri successivi.

I piccoli ospiti hanno poi potuto partecipare, insieme alle mamme, ai laboratori di lettura condivisa organizzati dalle volontarie di “Nati per leggere” e dalla musicoterapeuta Teresa Tatoli di “Nati per la musica”, che ha presentato “InCanti Sonori – cuore a cuore con mamma e papà gioco con la musica crescendo”.

Il laboratorio di lettura condivisa promosso da "Nati per leggere"
Il laboratorio di lettura condivisa promosso da “Nati per leggere”

La dott.ssa Cipriani invece, ha dispensato utili consigli sul tema dell’alimentazione in gravidanza, ponendo l’accento sul cibo come elemento indispensabile e fonte di salute per il feto e per la mamma.

I volontari del Centro di Aiuto alla Vita “Granello di Senape” di Ruvo di Puglia invece, hanno presentato il movimento, con le sue iniziative e laboratori.

Nel corso dell’iniziativa sono anche stati donati dalla Fondazione Cannillo due nuovi ambulatori di cardiotocografia e la sala “Aspettando te”, dedicata alle fasi iniziali del travaglio.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami