A Palo in “differita”, Corato al completo

Non alle 15.30, orario comune a quasi tutte le altre gare del campionato, ma alle 16.00 sul polveroso Comunale di Palo del Colle. Riparte da qui la missione di Leonino, quella di portare a casa il primo sorriso dopo due pareggi e una sconfitta, conditi da errori che il tecnico barlettano ha cercato di limare in settimana.

La Liberty Palo, neopromossa dopo aver vinto il Girone A di Prima Categoria, è partita subito nel segno dell’incertezza con la staffetta in panca tra Ezio Forziati (che ha svolto la preparazione ndr) e Ciccio Mongelli. L’ex tecnico dei miracoli bitrittesi rievoca amari ricordi per i colori neroverdi. C’era lui sulla panca del Conversano nel 2006, quando i neroverdi allenati da Lotito persero incredibilmente la semifinale playoff per il salto in Eccellenza. Oggi prende un Palo ancora in costruzione ma che ha del buon materiale su cui lavorare come l’esterno Amendolagine, in orbita Monopoli qualche anno fa o i due Gesuito, l’esperto Michele e il duttile Alessandro. In attacco Gianfranco Salvatore il Corato l’ha già affrontato l’anno scorso col Cellamare mentre bisognerà fare attenzione a Michele Bux, uno che segna in ogni categoria. I due, con Botta, hanno regolato il Quartieri Uniti in Coppa con passaggio del turno gialloblu. Male l’esordio in campionato contro il Canosa quadrato di Iannone.

Una diretta concorrente quindi, da prendere con le pinze. Fortunatamente Leonino ha la squadra al completo con i rientri di Losito e Rutigliani (già in Coppa ndr) e il giovanissimo plotone delle ultime firme. Scegliere significa fare qualche ballottaggio e sciogliere qualche nodo prima del via. Confermata la coppia centrale Losito-Cannillo, Camerino tra i pali e Difrancesco in avanti, Leonino deve scegliere il modulo più adatto. Si fa strada l’idea di tre centrocampisti centrali con Saragaglia terzino e Terrone-Landini a supporto di Difrancesco oppure la riconferma dello schema di domenica scorsa. 

La terna della gara tra Liberty Palo e Corato sarà composta da Alessandro Recchia di Brindisi, coadiuvato da Costantino Chiapperino di Molfetta e Nicola Ciocia di Molfetta.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami