A Corato il poeta serbo Djordje D. Sibinovic

Venerdì 24 maggio sarà ospite d'onore all'incontro "Italia chiama Serbia" organizzato presso la libreria Secopstore

Dopo il Festival di Como, Angela De Leo presenta il suo ultimo lavoro
Dopo il Festival di Como, Angela De Leo presenta il suo ultimo lavoro

Giovedì 23 maggio, nel solco dell’ormai consolidata collaborazione culturale della SECOP edizioni con la Serbia, attraverso l’Associazione Nazionale degli Scrittori Serbi e i protocolli d’intesa siglati con i Festival internazionali di poesia di Smederevo e di Sremski Karlovci, arriva in Italia il noto poeta serbo Djordje D. Sibinovic: prima tappa a Roma, presso l’Ambasciata serba per presentare il libro LA PENNA DI WILLIAM SHAKESPEARE (SECOP edizioni), e poi a Corato, venerdì 24, presso la libreria Secopstore, per partecipare come ospite d’onore all’incontro “Italia chiama Serbia”, una sorta di Reading di poesie interculturale tra poeti uniti dalla stessa etichetta e dalla stessa passione per la poesia.

Il poeta, che nella vita svolge la professione di notaio, è un fine e profondo poeta che, attraverso la sua arte, s’interroga sulle grandi tematiche della vita, offrendo spunti di riflessione originali e sorprendenti.

L’appuntamento breve con il nostro paese annuncia altri scambi culturali e nuove pubblicazioni importanti, tra cui spiccano un libro d’arte dedicato a Leonardo da Vinci dell’artista serbo Predrag Bajo Lukovic, e la partecipazione di due poeti coratini, Federico Lotito e Alberto Tarantini, al festival di Sremski Karlovci che si terrà a luglio prossimo.

La SECOP edizioni, che a dicembre festeggerà quindici anni, si apre sempre di più alla cultura della scrittura senza confini. Torna, infatti, a fine maggio in Italia, l’illustratrice estone Viive Noor, per una serie di incontri sull’albo illustrato TAMBUROPOLI (SECOP edizioni), con testo di Bianca Maria Tricarico, e arriverà a settembre il poeta Gieke Marinaj, che vive in America e insegna presso l’università di Dallas.

Il mondo ci dice l’editore Peppino Piacente è “piccolo come la pagina di un libro, prima di voltarla lo hai già attraversato tutto.”

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami