2019: il futuro del gaming passa da live, mobile e multiplayer

È abbastanza chiaro come le care e vecchie console non siano più in grado di trainare l’intero settore e, di conseguenza, abbiano lasciato strada, con il passare del tempo, a nuove tendenze che ormai si sono ben delineate

2019: il futuro del gaming passa da live, mobile e multiplayer
2019: il futuro del gaming passa da live, mobile e multiplayer

Nel momento in cui si parla del settore dei videogiochi, la crescita degli ultimi anni sembra sia legata all’evoluzione tecnologica. È abbastanza chiaro come le care e vecchie console non siano più in grado di trainare l’intero settore e, di conseguenza, abbiano lasciato strada, con il passare del tempo, a nuove tendenze che ormai si sono ben delineate. Stiamo facendo riferimento, ad esempio, a tutti quei giochi a cui si può prendere parte con la modalità Live, oppure ai videogiochi che sono stati lanciati per tablet e smartphone.

In modo particolare, le vendite dei giochi per device mobili hanno subito un costante aumento, facendo capire ancora una volta come il mercato dei videogiochi per dispositivo mobili sia più che mai vivo e florido. Basti pensare come solamente nel 2018 è riuscito a garantire un fatturato che sfiora i 138 miliardi di dollari. In poche parole, si tratta di qualcosa come il 50% del mercato complessivo dell’intrattenimento su dispositivi elettronici.

Il grande boom dei giochi free-to-play

Non è un caso, insomma, che EA Sports, che fa parte del colosso Electronic Arts abbia realizzato qualcosa come un miliardo di dollari di entrate grazie a tutti i titoli mobili venduti nel corso di un decennio. Una delle notizie più interessanti, però, è quella legata al fatto che tale cifra si riferisce solamente ai giochi free-to-play. Un dato particolarmente gustoso, soprattutto per via del fatto che le versioni per device mobili di Fifa Soccer, in cui si può usare anche Ronaldo con la maglia della JuventusEa Sports UFC, Madden Nfl e Nba Live, vendute rispettando il modello free-to-play, ha portato fiumi di soldi, spesso molti di più rispetto a titoli che vengono di solito venduti a pagamento. Basti pensare come circa 500 milioni di euro, più o meno, vengono ottenuti grazie ai vari acquisti in game che si riferiscono alla serie NFL.

Il funzionamento dei giochi free-to-play, ormai, dovrebbero conoscerlo tutti. Il titolo viene diffuso sui vari store online in modo del tutto gratuito. Quindi, i giocatori possono acquistarlo senza dover cacciare un euro. E allora, vi chiederete voi, come fanno le aziende che li producono a guadagnare tutte queste cifre? Facile, visto che poi all’interno del videogioco ci sono dei contenuti a pagamento, tramite i quali gli utenti hanno l’opportunità di integrare o personalizzare il videogioco. In questo senso, un esempio perfetto è rappresentato dal titolo Fortnite di Epic Games. Si tratta di uno sparatutto che, solamente in dodici mesi, ha ribaltato ogni record possibile e immaginabile, riuscendo a sfondare il muro dei tre miliardi di dollari come profitto netto. I vari optional presenti all’interno del percorso di gioco hanno portato oltre sette giocatori su dieci a spendere qualcosa come 85 dollari in media per comprarli. Non serve essere laureati in matematica per comprendere come si arrivi a spendere una cifra notevolmente superiore rispetto al costo di gran parte dei giochi a pagamento.

Le app mobile, strumento imprescindibile nella quotidianità

Grandi case come PokerStars hanno lanciato la propria app mobile, ma gli esempi, in realtà, potrebbero essere veramente numerosi. Anche l’INPS ha pubblicato la prima App mobile dedicata al premio nascita, una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda questo ambito. Anche un colosso nel settore dell’arredamento (e non solo) come Ikea ha deciso di fare un passo importante in tal senso. Infatti, Ikea ha deciso di sviluppare una nuovissima applicazione che permette di comprare i mobili direttamente dal proprio smartphone o tablet. Fino a questo momento l’app lanciata sul mercato permetteva solo di guardare il catalogo dei mobili e dei vari prodotti disponibili all’interno dei punti vendita, senza poterli acquistare.

Il boom degli eSports

Una delle tendenze più facili da notare nel settore dei videogiochi e, più in generale, nel mondo dello sport, è certamente la grande diffusione degli eSports. Anzi, ad essere ancora più precisi, al momento il ramo Mobile eSports si può considerare la parte principale di tutto questo mercato. Stando alle stime che sono state diffuse da parte di Newzoo, pare che gli utenti che giocano da mobile, in tutto il mondo, sia vicini ai 2,2 miliardi. E i ricavi? Arrivano fino a 60 miliardi di dollari.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami