2018: la stagione olivicola che non c’è

Se ne parlerà nell'incontro organizzato da Città Nuova, domani giovedì 15 novembre, alle 18.30, in via Duomo n.92 dove interverrà, fra gli altri, Donato Rossi, Presidente Confagricoltura Puglia

2018: la stagione olivicola che non c'è
2018: la stagione olivicola che non c'è

Città Nuova, in considerazione della difficilissima situazione in cui versa la filiera dell’olio di oliva nel nord barese, e in virtù della stagione olivicola 2018 contraddistinta da una produzione quasi inesistente, ha organizzato un incontro-dibattito che si terrà domani, giovedì 15 novembre, alle ore 18:30, presso la sua sede in via Duomo 92.

Interverranno il Dott. Donato Rossi, Presidente Regionale Confagricoltura Puglia, il Dott. Giovanni Porcelli, Vicedirettore Confagricoltura Bari, il Dott. Domenico De Palma, Titolare Frantoio Oleario, e il Dott. Pasquale D’Introno, Presidente Cooperativa “Terra Maiorum”.

L’incontro sarà l’occasione per analizzare la situazione della congiuntura attuale legata alla campagna olivicola 2018, anche in relazione al progressivo avanzare della infestazione da xylella fastidiosa.

La coltivazione, la raccolta e la trasformazione dei prodotti dell’olivo sono parte della cultura millenaria della nostra terra e rappresentano un sapere in cui la nostra comunità ha raggiunto livelli di eccellenza, sviluppando una economia e relazioni commerciali che da Corato raggiungono ogni parte del pianeta.

Per questo motivo, Città Nuova, “sempre sensibile alle problematiche dell’economia cittadina” – si legge nella nota diffusa alla stampa – ritiene necessario analizzare, con gli addetti ai lavori, la situazione attuale, per valutare gli sviluppi possibili nel breve e nel medio termine e, contemporaneamente, agire in maniera tempestiva per salvaguardare un settore produttivo di grande rilevanza per il nostro territorio.

«Discuteremo e valuteremo gli strumenti che sono stati predisposti dagli Enti competenti per affrontare la crisi in atto – fanno sapere da Città Nuova – e, al tempo stesso, raccoglieremo contributi e riflessioni che possano essere da stimolo per noi, al fine di rispondere sempre meglio alle esigenze degli operatori del settore.  Discuteremo infine il tema della presenza sul mercato degli olii esteri e dell’attenzione alla genuinità del prodotto che è – e deve continuare ad essere – elemento peculiare del nostro modo di fare agricoltura».

 

 

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami